Foreste alimentari per affrontare l’insicurezza alimentare

In America sta crescendo il numero di foreste alimentari. Queste foreste vengono utilizzate per affrontare l’insicurezza alimentare e promuovere l’agricoltura urbana

0
205
Foreste alimentari

In molte parti negli USA l’accesso al cibo è una vera sfida. L’insicurezza alimentare è un problema che è nato molto prima della pandemia, ma è stata terribilmente aggravata dalla crisi economica causata dal coronavirus. Negli USA sono aumentati i numeri di foreste alimentari, che fanno parte di un progetto che affronta l’insicurezza alimentare e promuove l’agricoltura urbana. Inoltre queste foreste sono diverse sotto molti aspetti dagli orti comunitari.

Cosa sono le foreste alimentari?

Negli USA ci sono più di 70 “foreste alimentari” che fanno parte di un progetto che affronta l’insicurezza alimentare e promuove l’agricoltura urbana. La più grande foresta alimentare d’America si trova vicino all’aeroporto più trafficato del mondo, l’Hartsfield-Jackson di Atlanta. Queste foreste fanno parte del più ampio progetto per la giustizia alimentare e sono diverse dagli orti comunitari. In genere sono sostenute da sovvenzioni piuttosto che da terreni in affitto, di solito si affidano a volontari e incorporano un approccio di gestione del territorio incentrato sulla crescita delle piante perenni. Gli schemi variano nel modo in cui operano nell’allocazione del cibo e nelle politiche sulla raccolta, ma sono tutti volti a promuovere l’accesso al cibo.

La Urban Food Forest di Atlanta

La Urban Food Forest di Atlanta è stata aperta nel 2019 con un piano per essere un modello per l’agricoltura urbana e per aumentare l’accesso al cibo, una sfida che precede da tempo la pandemia ma che è stata terribilmente aggravata dalla crisi economica causata dal Covid-19. La Food Forest si trova nella comunità di Lakewood a sud di Atlanta. Come definito dall’USDA, Lakewood è un deserto alimentare. Il negozio di alimentari più vicino con opzioni di cibo sano dista 20 minuti con i mezzi pubblici. La maggior parte dei “mercati alimentari” nelle vicinanze offre molti più dolci, cibi lavorati e prodotti in scatola rispetto a frutta fresca, verdura e prodotti.

Celeste Lomax, che gestisce l’impegno della comunità nella foresta di Brown Mills e vive nel quartiere, ha affermato: “Stiamo usando questo spazio per qualcosa di più della semplice coltivazione di cibo. Abbiamo compostaggio, alveari, scatole per pipistrelli e questo bellissimo giardino di erbe in cui insegniamo alle persone come curarsi con i cibi che mangiamo. Faremo ritiri dettagliati e yoga negli spazi esterni. Questo è un luogo di salute e benessere. È molto più di un semplice cibo gratis”.

L’accesso al cibo è una vera e propria sfida

L’accesso al cibo è stata una sfida a lungo termine in città. Secondo un rapporto del giugno 2017 sulla rivista Atlanta Studies, i tassi di insicurezza alimentare erano superiori al 25% nel centro di Atlanta e nelle contee meridionali di Fulton e DeKalb, dove i residenti sono principalmente persone di colore con redditi inferiori. Nell’indagine annuale Metro Atlanta Speaks della Commissione regionale di Atlanta, il 18% ha dichiarato di aver ricevuto assistenza dalla banca alimentare da marzo 2020.


Food Forest at Browns Mill: la foresta del cibo

Commenti