Fondirigenti: pronti 7 milioni di euro per le imprese

0
134

Il momento storico che stiamo attraversando mette a dura prova le imprese nostrane e richiede interventi decisi e rapidi. Il nuovo avviso 2/2020 di Fondirigenti mette a disposizione sette milioni di euro per sostenere le imprese. Mentre l’obiettivo è di renderle più smart e pronte a resistere alle difficoltà incipienti.

Cos’è il Fondirigenti?

Fondirigenti è un fondo, promosso da Confindustria e Federmanager, il cui scopo è di finanziare la formazione dei dirigenti ed aiutare le imprese. Il presidente di Fondirigenti, Carlo Poledrini, spiega che il nuovo avviso 2/2020 si concentrerà sulla sostenibilità e sull’innovazione. Ma anche sugli strumenti utili alla riorganizzazione del lavoro e dei processi aziendali. Il problema di fondo sono proprio i processi aziendali: la pandemia ha evidenziato limiti ambientali, sociali ed economici dei modelli produttivi tradizionali. La costituzione del fondo sarà utile per far fronte alle problematiche sin qui evidenziate.

Dichiarazioni di Carlo Poledrini

Il presidente di Fondirigenti pone l’attenzione sulla necessità di certi specifici strumenti, quali il digital marketing e la finanza. Strumenti, questi, che agevolerebbero la crescita delle imprese, consentirebbero nuove modalità di lavoro e coniugherebbero produttività e flessibilità.

Modalità di accesso a Fondirigenti

Si legge sul sito di Fondirigenti che “l’intero processo di presentazione e rendicontazione dei Piani avverrà digitalmente dall’Area riservata alle aziende. L’area sarà accessibile tramite la sezione MyFondirigenti del sito web del Fondo. I Piani formativi saranno sottoscritti con firma digitale dal Rappresentante legale delle aziende”.

Presupposti per accedere al fondo

Non tutte le aziende potranno accedere al fondo. Tra queste ci sono le Grandi Imprese. Quelle che al momento della presentazione del Piano abbiano un saldo pari o superiore a 15.000 euro sul proprio conto formazione. Stessa cosa vale per le imprese che si trovano in stato di fallimento, di liquidazione coatta amministrativa. Anche di concordato preventivo (salvo il caso previsto dall’art. 186 bis del Regio Decreto 16/3/1942 n. 267). Di amministrazione straordinaria, di amministrazione straordinaria speciale, di liquidazione per effetto del verificarsi di una causa di scioglimento. Anche quelle che hanno in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali condizioni.

Le imprese dovranno scegliere fra tre macro Aree

I Piani formativi aziendali dovranno riguardare lo sviluppo di competenze in una delle seguenti macro Aree. 1) Riorganizzazione dei processi; 2) Strumenti per il rilancio; 3) Sostenibilità e Green Economy. Ogni area contiene diversi ambiti prevalenti. L’azienda dovrà scegliere un’Area e, all’interno di essa, un ambito prevalente.

Commenti