Fondi UE grande rischio di infiltrazioni criminali

0
140

La Guardia di Finanza vigilerà sui soldi del recovery fund, il rischio infiltrazioni è troppo alto, l’allarme viene anche dall’Europol

L’enorme pioggia di soldi provenienti dall’Europa sono un importante occasione per rilanciare il nostro paese dopo la pandemia. Dall’altra parte c’è l’allarme della Guardia di Finanza che avverte il pericolo di infiltrazioni criminali nella gestione del denaro proveniente dall’Unione Europea.

Bisogna tenere alta l’attenzione per evitare il rischio di infiltrazioni

Lo stesso allarme era stato lanciato nei giorni scorsi dall’Europol, per questo motivo c’è bisogno di una forte collaborazione e di un monitoraggio dei soldi da parte della Guardia di Finanzia che collaborerà a stretto contatto con le Procure ed i vari Prefetti sul territorio.

Già nei mesi scorsi in piena pandemia, la Guardia di Finanza ha sequestrato ingenti somme di denaro, circa 270 milioni a contrasto del riciclaggio.  Si è verificato un aumento dei reati di usura, i sequestri provenienti dal reato di usura sono addirittura raddoppiati.

Un altro aspetto, venuto fuori durante l’emergenza covid, come ha sottolineato l’ANAC, (autorità nazionale anticorruzione) è la corruzione all’interno delle pubbliche amministrazione. Già presente, con mazzette di 50 euro che fanno in modo che la criminalità fa sempre più uso nella corruzione nelle pubbliche amministrazioni.


Greta Thunberg insoddisfatta del Recovery Fund. La Neubauer è d’accordo.


Per questo motivo il presidente dell’ANAC ha voluto ribadire che sarebbe un grosso errore abbassare la guardia durante questo periodo di emergenza, non si può far finta che la corruzione non sia cosi’ presente in questo periodo storico di emergenza sanitaria.

In Italia la corruzione è molto alta, soprattutto nelle pubbliche amministrazioni, allarme lanciato dal presidente dell’Anac Francesco Merloni, la tangente che può verificarsi in una dazione di pagamento, dall’assunzione di amici o parenti, a volte anche per 50 o 100 euro si può  arrivare a corrompere un funzionario della pubblica amministrazione scrive Merloni.

Poi ci sono altre controprestazioni che vengono offerte, dalla ristrutturazione edilizia, dal trasporto di mobili, hotel pagati, buoni pasto e di benzina.

Sul tema è intervenuto anche il direttore della Criminalpol Vittorio Rizzi c’è bisogno di un monitoraggio continuo prima che sia troppo tardi per l’economia reale

Spesso succede che all’interno delle pubbliche amministrazioni, il dipendente sottoposto a procedimento penale per corruzione non viene spostato in un altro ufficio, come prevede la legge.

Nel 2019 l’Anac è intervenuta, effettuando 85 procedimenti di vigilanza sulla corretta applicazione della rotazione straordinaria.

Commenti