Florence Foster, la cantante lirica senza le doti canore

0
285

Florence Foster, è una donna soprano americana, che diventa celebre nell’ opera lirica, senza le qualità canore. Inoltre, la cantante già da bambina, esprime la volontà di studiare musica all’ estero, senza risultato dalla famiglia. Ma la passione di Florence per la musica, la porta a fuggire di casa, fino ad arrivare a Philadelphia, dove sposa Thornton Jenkins. La carriera di soprano, arriva dopo la morte del padre, poiché con la sua eredità, Florence intraprende il sogno, e la carriera di cantante.  

Florence Foster e la biografia

Florence Foster, nasce a Wilkes- Barre il 19 luglio 1868, e muore a New York il 26 novembre 1944. Foster è un soprano americano, che arriva al successo nell’ opera lirica, senza possedere le qualità canore. I genitori, sono Charles Dorrance Foster, e Mary Jane Hoagland. Fin da bambina, Florence esprime la passione per la musica, ed inizia a prendere delle lezioni sulla stessa, con l’ intento futuro, di studiare la materia anche all’ estero. Charles, nega il sostegno economico alla figlia per gli studi all’ estero, e Florence fugge a Philadelphia, con il medico Frank Thornton Jankins, che sposa. Nel 1902, Florence divorzia dal marito, ed inizia a lavorare come insegnante e pianista. Nel 1909, muore il padre, e Florence con la sua eredità, inizia l’ attività di cantante lirica nella scena musicale di Philadelphia.

Florence Foster e la malattia

Florence, contrae dal marito la malattia della sifilide, che le causa gravi danni alle articolazioni. La malattia che Thornton trasmette alla moglie, costringe Florence ad abbandonare la professione di pianista.  

Nessuna intonazione, nessun ritmo musicale

Nelle registrazioni musicali, la cantante Foster, risulta senza ritmo musicale, senza intonazione, e le risulta difficile anche sostenere le note musicali. Ciò nonostante, gli accompagnatori musicali, eseguono gli aggiustamenti necessari per un buon ascolto, per evitare gli errori sul tempo e sui ritmi. Tuttavia, la cantante lirica , ottiene un gran successo comunque, nel panorama musicale della lirica di Philadelphia. Inoltre il pubblico apprezza nella cantante, più che le doti canore, l’ interpretazione che mostra nel divertimento nell’ eseguire i brani.

Florence Foster ed il parere della critica

I critici musicali, descrivono l’ attività lirica di Foster, come ambigua, e l’ opinione della critica, suscita ulteriore curiosità nel pubblico, che apprezza ulteriormente i brani della cantante americana. In effetti, Foster nonostante le carenze canore, si convince della sua grande capacità interpretativa, e si paragona ai grandi nomi di soprani. Inoltre, Foster tra le risa del pubblico, nelle performances, con le rivali liriche Frieda Hempel e Luisa Tetrazzini, mostra una “gelosia professionale”.  La cantante Foster è consapevole delle critiche, e risponde “la gente può anche dire che non so cantare, ma nessuno potrà mai dire che non ho cantato”.

Florence Foster e la musica nei recitals

La cantante lirica Foster, esegue opere dallo stile classico, e canzoni che compone lei stessa od il suo accompagnatore artistico Cosmè McMoon. A maggior ragione, Foster interpreta brani di autori come Mozart, Verdi e Strauss, ma anche i brani di Brahms, ed i “Clavelitos” di Joaquin Valverde.

L’ aspetto scenico

Le esibizioni musicali nelle interpretazioni liriche musicali, Foster le esegue, con costumi che lei stessa, disegna e realizza. Inoltre, la cantante lirica, aggiunge agli abiti di scena, oggetti come ali e paillettes, ventagli e fiori, che come in “Clavelitos”, getta al pubblico.

Le performances limitate

La cantante Foster, riceve sempre più richieste di spettacoli, ma limita i suoi recitals ad un ristretto numero di luoghi come le sue performances annuali nella sala da ballo del Ritz- Carlton a New York. Foster si occupa personalmente, alla distribuzione dei biglietti dei recitals, che vanno alle colleghe del club ed a pochi ospiti selezionati.  

L’ esibizione alla Carnegie Hall

La cantante Foster, all’ età di settantasei anni, accontenta le richieste del pubblico e si esibisce nello spettacolo lirico musicale, alla Carnegie Hall di New York, nell’ ottobre del 1944. L’attesa del concerto, da parte del pubblico risulta talmente attesa, che i biglietti finiscono molte settimane prima del recital.

Considerazioni dei critici sul concerto del 1944

Alcuni critici musicali, sostengono che la cantante lirica Foster per trent’ anni di attività musicale, in realtà interpreta uno scherzo che offre al pubblico. Tuttavia, la critica riserva un altro parere, secondo cui la cantante americana, durante la performance musicale, alla Carnegie Hall di New York, viene derisa per la macanza delle doti canore.

La morte

Florence Foster, muore il 26 novembre 1944 a New York, dopo un mese dal concerto, che esegue al Carnegie Hall.  

Commenti