Filippine: aperti i seggi per le presidenziali, favorito il figlio dell’ex dittatore

0
279
Filippine: aperti i seggi per le presidenziali

Aperti i seggi nelle Filippine per le elezioni presidenziali. Secondo gli ultimi sondaggi, il favorito è Ferdinand Marcos Jr, figlio dell’ex dittatore. Oltre al presidente, molti filippini voteranno per una serie di candidati tra cui legislatori, senatori e leader locali.

Aperti i seggi nelle Filippine per le presidenziali?

Sono iniziate le votazioni per le elezioni presidenziali nelle Filippine. Fin dalle prime ore del mattino si sono formate lunghe file davanti ai seggi. Gli analisti hanno descritto il voto come l’elezione più significativa nella storia filippina in quanto il risultato potrebbe comportare un arretramento democratico a riforme liberali. L’elezione, definita da molti la più controversa degli ultimi decenni, vede Ferdinand Marcos Jr, noto come Bongbong e figlio dell’ex dittatore Ferdinand Marcos che è stato estromesso in una rivolta del “potere popolare”, contro l’attuale vicepresidente Leni Robredo, ex avvocato per i diritti umani e convinta liberale molto critica nei confronti del presidente Duterte. Robredo si è impegnata a migliorare l’istruzione e il benessere, combattere la povertà e migliorare la concorrenza sul mercato.

Queste elezioni sono davvero una campagna del bene contro il male”, ha detto ad Al Jazeera il politologo Aries Arugay dell’Università delle Filippine Diliman. “È abbastanza chiaro. Marcos rappresenta la dinastia, l’autocrazia e l’impunità. Robredo rappresenta il contrario: integrità, responsabilità e democrazia“. Secondo gli ultimi sondaggi, il figlio dell’ex dittatore sarebbe il favorito alla vittoria, è infatti in testa ai sondaggi di 30 punti percentuali.

La famiglia Marcos

Marcos Jr non ha presentato una vera piattaforma politica. Ha parlato di “unità” senza fornire ulteriori dettagli sulle sue politiche. Durante la campagna elettorale, ha parlato della leadership “geniale” del suo defunto padre ed ha evitato interviste e dibattiti ai media.  Tuttavia, la sua presidenza dovrebbe essere simile alla presidenza Duterte. La compagna di corsa di Marcos Jr alle elezioni è la figlia del presidente uscente, Sara Duterte-Carpio. Anche lei è in testa nei sondaggi nelle elezioni di vicepresidente. Queste elezioni segnano un ritorno alla ribalta per la famiglia Marcos, pochi decenni dopo la fuga dalle Filippine in mezzo al crescente malcontento per la corruzione e la brutalità.

Marcos ha governato secondo la legge marziale per quasi un decennio, dal 1972 al 1981, e poi è fuggito alle Hawaii nel 1986 tra le crescenti proteste dell’opposizione spinte da un crollo economico e dall’assassinio del suo principale rivale. Gli attivisti affermano che migliaia di persone sono state uccise, torturate o imprigionate per aver criticato il governo Marcos. E secondo alcune stime, la famiglia ha rubato fino a 10 miliardi di dollari dalla banca centrale delle Filippine mentre era al potere. La famiglia è tornata dall’esilio e sulla scena politica filippina negli anni ’90.

Secondo gli osservatori, Marcos Jr. è riuscito a riabilitare il nome della famiglia grazie a esperte campagne sui social media rivolte agli elettori più giovani che hanno poca conoscenza del governo spietato del padre. I suoi sostenitori hanno respinto le narrazioni di saccheggio, clientelismo e brutalità sotto la legge marziale del suo defunto padre come bugie spacciate dagli oppositori, presentando quella che i suoi critici dicono essere una versione diversa della storia. 


Leggi anche: Elezioni Filippine: chi sono i contendenti