Figi: diventano la prima nazione a riconoscere i raccoglitori di rifiuti

0
321

Ora, le Figi sono diventate il primo paese del Pacifico a riconoscere formalmente i raccoglitori di rifiuti e i sostenitori sperano che altri paesi della regione seguiranno l’esempio. Il Pacifico ha a lungo spinto per un’azione contro i cambiamenti climatici, con le sue nazioni che hanno sperimentato il peso dell’innalzamento delle temperature, dell’innalzamento del livello del mare e dei frequenti disastri naturali. Il fondatore e direttore delle operazioni presso la Pacific Recycling Foundation Amitesh Deo ha affermato che i raccoglitori di rifiuti “svolgano un ruolo fondamentale”.

Nei paesi in via di sviluppo come le Figi

“Non abbiamo risorse o consigli comunali e le aziende private non hanno le risorse per andare a raccogliere tutti i materiali riciclabili dalle aree e portarli negli impianti di riciclaggio”, ha detto Deo. Ci sono circa 20 milioni di raccoglitori di rifiuti in tutto il mondo che per decenni hanno agito come sistemi di riciclaggio de facto nei loro paesi. Eliminano milioni di tonnellate di anidride carbonica ogni anno deviando i rifiuti dalle discariche. Ma invece di essere visti come eroi ambientali, sono spesso visti come vagabondi e sono in gran parte invisibili. Alle Figi, un seminario che ha coinvolto le 16 donne ha discusso le molestie che hanno affrontato.

Una donna ha parlato di ripetuti abusi sessuali da parte di un vicino

Che pensava di poter entrare in casa sua e “chiedere sesso” perché era una raccoglitrice di rifiuti, ha detto Deo. Un nome appropriato è stato deciso come primo passo verso la fine dello stigma. I pilastri della raccolta del riciclaggio erano il nome concesso ai 30 lavoratori registrati dal consiglio comunale di Lautoka. Insieme al nuovo nome, ai lavoratori registrati verranno fornite attrezzature di sicurezza e avranno accesso alla formazione e ai conti bancari. “C’è molto lavoro da fare, ma almeno c’è un chiaro percorso in fase di sviluppo su come potenziare questo gruppo”, ha detto Deo. Kabir Arora della Global Alliance of Waste Pickers ha affermato che la dignità è rimasta al centro delle lotte dei raccoglitori di rifiuti. “Non è solo l’occupazione, se guardi chi sono i raccoglitori di rifiuti, sono minoranze etniche, minoranze religiose, persone della comunità trans”, ha detto all’ABC. “Quindi ci sono persone che sono in gran parte espropriate a causa di circostanze storiche basate su qualsiasi identità abbiano”.

La grande preoccupazione, in particolare nelle società dell’Asia meridionale

E’l’ulteriore stigma dell’occupazione considerata “il più basso del basso”. Adottare nuovi nomi è stato un modo comune per portare il loro lavoro in una luce positiva. In Sud America, hanno cambiato il loro nome in “recicladores” – o riciclatori – e in India sono spesso indicati come “lavoratori verdi” o “lavoratori dell’economia circolare”, ha detto Arora.

Anche la Global Alliance of Waste Pickers si muoverà per cambiare nome

“Definindosi lavoratori verdi rivendicano un movimento ambientalista più ampio”, ha detto Arora. “Hanno fatto questo lavoro di pulizia, manutenzione e conservazione dell’ambiente e devono essere riconosciuti nel nome stesso”.

Alle Figi lecooperative colmano il divario

La dignità è solo l’inizio della lotta dei raccoglitori di rifiuti per il riconoscimento formale dell’importante ruolo ambientale che svolgono. Paesi come Sudafrica, Brasile e India hanno attuato una legislazione progressista sui raccoglitori di rifiuti, ma su tutta la linea ci sono ancora molte sfide che i lavoratori devono affrontare, ha detto Arora. Supriya lavora come raccoglitore di rifiuti da oltre 30 anni. Accompagnava i suoi genitori alle discariche quando era bambina. Circondati da animali in roaming, trascorrevano lunghe giornate calde guadando tra montagne di spazzatura. “Quando ero bambino, non c’erano negozi di rottami vicino a casa nostra, quindi avremmo dovuto trovare un passaggio”, ha detto Supriya. “A volte non saremmo stati in grado di tornare e avremmo dovuto camminare fino in fondo”.

Decenni dopo, Supriya sta ancora raccogliendo e cernita i rifiuti

Ma le sue giornate sembrano molto diverse. È membro della cooperativa SWaCH nella città indiana di Pune, insieme a più di 3.700 raccoglitori di rifiuti autonomi, la maggior parte dei quali sono donne. Hanno un accordo con l’amministrazione locale che consente loro di andare porta a porta a raccogliere rifiuti riciclabili da famiglie, ristoranti e negozi. SWaCH afferma di fornire servizi a circa 800.000 famiglie al giorno e ricicla circa 70.000 tonnellate di rifiuti all’anno. “La maggior parte dei cittadini sta collaborando. Ci sono giorni brutti e ci sono giorni buoni”, ha detto Supriya. “Sono stato in grado di pagare per l’istruzione, la medicina e il sostegno generale di mio figlio alla mia famiglia”.

Il modello cooperativo ha migliorato i mezzi di sussistenza

I raccoglitori di rifiuti hanno colmato il divario tra le famiglie e il servizio di raccolta dei rifiuti urbani. Il quadro è stato emulato in altre città indiane ed esiste in molte parti del mondo. Sebbene abbia permesso a molti collezionisti di allontanarsi dalle discariche e in condizioni più sicure, il lavoro manca ancora di stabilità. “Nonostante i raccoglitori di rifiuti diano un immenso contributo al sistema di gestione della città, l’intero modello si basa sulle tariffe degli utenti in cui i cittadini pagano direttamente i raccoglitori di rifiuti per i loro servizi quotidiani”, ha detto Amogh Bhongale, del team di sensibilizzazione di SWaCH. “Poiché si tratta di commissioni per gli utenti, non ci sono stipendi pagati dal governo alle migliaia di raccoglitori di rifiuti. In realtà stanno lavorando in modo indipendente come imprenditori”.

Alle Figi il sistema opera anche su accordi

A breve termine che la cooperativa deve firmare con l’amministrazione locale, che devono essere rinnovati ogni due anni. “Dobbiamo ancora lottare per rinnovare i contratti”, ha detto Supriya. Un recente rapporto del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) sulle condizioni socio-economiche dei raccoglitori di rifiuti in India ha rilevato che il reddito familiare mensile di sette lavoratori su 10 era inferiore a 10.000 rupie ($ 180). Molti lavorano ancora nelle discariche, che sono considerate illegali in alcuni stati e comuni.

Raccoglitori di rifiuti alle Figi: riconosciuti nella lotta contro l’inquinamento da plastica

L’onorevole Bhongale ha detto che negli anni ’80 e nei primi anni ’90, la plastica non ha quasi ricevuto menzione. Ora SWaCH ha sistemi e progetti che si concentrano specificamente su alcuni tipi di rifiuti di plastica. Quasi la metà di tutta la plastica prodotta a livello globale proviene dall’Asia e la regione è responsabile di oltre l’80% dei rifiuti di plastica oceanici, secondo l’UNDP. In paesi come l’India, che genera circa 15 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica ogni anno, solo un quarto di essi viene riciclato.

A maggio, l’ONU ha approvato un accordo storico per creare il primo trattato globale al mondo sull’inquinamento da plastica

Descrivendolo come l’accordo ambientale più significativo dall’accordo sul clima di Parigi del 2015. Parte della risoluzione è stato il riconoscimento del “contributo significativo dei lavoratori in contesti informali e cooperativi alla raccolta, alla cernita e al riciclaggio della plastica”. È la prima volta che i raccoglitori di rifiuti sono riconosciuti in una risoluzione ambientale, che stabilisce disposizioni per riconoscere il loro ruolo. “Avevamo le lacrime agli occhi”, ha detto Arora. “Non è stato altro che un momento storico per i raccoglitori di rifiuti di tutto il mondo”.

Firmando il trattato delle Figi

I paesi devono mostrare che i raccoglitori di rifiuti sono inclusi nelle iniziative di riciclaggio della plastica. Arora ha affermato che il mandato è particolarmente utile per i raccoglitori di rifiuti in paesi come la Cina che hanno difficoltà a organizzare i lavoratori. “Se domani i paesi firmeranno il trattato sulla plastica, sarà una grande vittoria per il movimento dei raccoglitori di rifiuti”, ha detto.

L’Indonesia include gli “spazzini” nell’impegno 2030 sulla plastica

Ministri e rappresentanti di 173 paesi hanno formalmente adottato la risoluzione delle Nazioni Unite a marzo per avviare negoziati per un accordo giuridicamente vincolante per porre fine all’inquinamento da plastica.

Tra questi c’era l’Indonesia, uno dei maggiori produttori di rifiuti al mondo

Solo a Giacarta, i residenti producono circa 7.000 tonnellate di rifiuti al giorno. Circa il 28 per cento di esso è costituito da rifiuti di plastica. Dalla firma del trattato, il Ministero dell’Ambiente e delle Foreste ha annunciato che mirerà a triplicare la raccolta dei rifiuti di plastica entro il 2030. Il direttore della gestione dei rifiuti del ministero, Novrizal Tahar, ha affermato che “stakeholder importanti come le associazioni di spazzini” saranno cruciali per raggiungere gli obiettivi del paese.

Tuttavia, nella discarica alle Figi di Bantar Gebang di Giacarta

Dove più di 7.000 raccoglitori di rifiuti si guadagnano da vivere raccogliendo e vendendo materiali riciclabili – ci sono preoccupazioni su ciò che riserva il futuro. Dal 2008, l’Indonesia ha una legge sulla gestione dei rifiuti, che include il ruolo dei “spazzinitori” nella riduzione e nella gestione dei rifiuti. Ma Heri Abdullah, un raccoglitore di rifiuti che fa parte della Indonesian Waste Pickers Association (IPI), ha affermato che il loro lavoro non era ancora riconosciuto come professione formale.

E invece di includere i raccoglitori di rifiuti esistenti nei piani governativi, vengono assunti nuovi lavoratori per fare il lavoro

“I governi locali preferiscono creare una nuova task force, reclutando nuove persone che vengono poi pagate e dotate di strutture, piuttosto che coinvolgere i raccoglitori di rifiuti esistenti”, ha detto Abdullah all’ABC. È anche difficile per loro andare oltre la vita e il lavoro in discarica, dove recentemente un incendio ha distrutto circa 70 case dei raccoglitori di rifiuti. Abdullah ha detto che molte case e uffici hanno cartelli che dicono che “ai spazzini è vietato entrare”.

Molti raccoglitori alle Figi, di rifiuti vengono anche arrestati per disturbare l’ordine pubblico mentre raccolgono e smistano i rifiuti

“È triste perché vogliamo solo raccogliere e smistare i rifiuti come richiesto dalla legge, non vogliamo rubare o commettere crimini o altro”, ha detto. “Non chiediamo nulla, vogliamo solo essere ufficialmente riconosciuti, formalmente, in modo da poter portare il cibo in tavola pacificamente”. Il prossimo passo importante per i raccoglitori di rifiuti a livello globale è quando i termini di riferimento per il trattato sulle materie plastiche delle Nazioni Unite saranno negoziati in Uruguay a novembre. La Global Alliance for Waste Pickers sta spingendo per la presenza di sei rappresentanti dei raccoglitori di rifiuti provenienti da sei regioni del mondo.