La Fiera del libro dell’Avana, oltre a essere un evento già di per sé, negli ultimi anni è diventata un mezzo per scoprire nuovi autori cubani.

Fiera del libro dell'Avana
Fiera del libro dell’Avana

Da ben quattro anni, Alessandro Oricchio e la sua collega Laura Mariottini, entrambi docenti al Dipartimento di Scienze Politiche alla Sapienza, Università di Roma, hanno avviato un progetto di collaborazione con Cuba a livello accademico. Tutto ciò è stato possibile grazie a un protocollo esecutivo che ha permesso loro di visitare l’Avana come docenti e, viceversa, di poter ospitare docenti cubani a Roma.

Alessandro Oricchio è docente di Lingua Spagnola presso il Dipartimento di Comunicazione e di Ricerca Sociale. Laura Mariottini è Ricercatrice universitaria e Docente di Lingua e Traduzione Lingua Spagnola presso la Facoltà di Scienze Politiche. Entrambi presso la Sapienza, Università di Roma.

Tale progetto ha permesso, oltre alla mobilitazione dei docenti, anche l’organizzazione di corsi di alta formazione in linguistica e mediazione culturale.

Inoltre, è stata avviata una collaborazione con l’Agenzia Letteraria dell’Avana, grazie alla quale è stato possibile portare in Italia i primi due romanzi di autori cubani contemporanei.

L'angolo del Mondo
L’angolo del Mondo

Il primo romanzo è L’angolo del Mondo di Mylene Fernandez Pintado, pubblicato dalla casa editrice milanese Marcos y Marcos. Il libro ha riscosso un ottimo successo tra il pubblico lettore.

Il secondo romanzo si intitola Bufali in marcia al mattatoio di Ahmel Echevarrìa, edito dalla casa editrice Efesto di Roma.

I due romanzi sono molto diversi tra loro. Il primo ha un tema attuale: la migrazione. Permette di scoprire Cuba e l’Avana da una prospettiva nuova.
«Un libro delicato, con uno stile molto morbido» lo descrive Alessandro Oricchio. Bufali in marcia al mattatoio, invece, è un libro con un altro tema attuale ma diverso. Parla di marginalità e della lotta dei protagonisti, i quali sgomitano e scalcino per poter trovare una collocazione nella società. Alessandro commenta: «Bufali in marcia al mattatoio fa parte di quel movimento letterario definito realismo sporco. Caratterizzato da uno stile crudo, duro, diretto e aspro».

Bufali in marcia al mattatotio
Bufali in marcia al mattatotio

Entrambi i libri hanno ricevuto premi a livello nazionale. Entrambi gli autori avevano già pubblicato all’estero ma mai in Italia. In realtà
Mylene Fernandez Pintado aveva già pubblicato in Italia ma con un editore che ora non esiste più: Tropea.

«Oltre ai due romanzi» spiega Alessandro Oricchio: «Abbiamo anche lavorato su un testo più accademico. El Habano. Un approfondimento sui famosi sigari cubani. Li abbiamo anche realizzati, in sinergia con professori e ricercatori cubani, insieme a esperti del sigaro italiani e internazionali». Continua: «Andrò alla Fiera del Libro dell’Avana per provare a continuare l’avventura. Con la speranza di ritornare in Italia con altri libri da tradurre e da proporre ai lettori italiani».

El Habano
El Habano

La 28º edizione della Fiera del libro dell’Avana si realizzerà dal 7 al 17 febbraio 2019. Sarà dedicata alla Repubblica Democratica e Popolare d’Algeria e allo scrittore cubano Eduardo Heras León, direttore del Centro Onelio Jorge Cardoso. Come ogni anno, nel suo spazio principale, la Fortezza di San Carlos de La Cabaña si potranno vedere centinaia di autori e titoli.


Gli editori di Cuba promuovono sia le pubblicazioni degli scrittori italiani che i classici mondiali. Due case editrici partecipanti sono l’Editoriale Arte y Literatura e l’Editoriale Gente Nueva. Con un profilo atipico e unico nel paese, Arte y Literatura si dedica alla pubblicazione di letteratura contemporanea e classica universale. Invece, Gente Nueva ha la particolarità di pubblicare letteratura per l’infanzia, adolescenti e giovani ma se i suoi titoli sono graditi anche dagli adulti.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here