Fiaccolata del Monte Amiata: festa del fuoco natalizia

La tradizione coinvolge gli abitanti del borgo nella costruzione delle cataste di legna da accendere la sera del 24 dicembre

0
238
Fiaccolata del Monte Amiata
La fiaccolata a Abbadia San Salvatore si svolge la Vigilia di Natale

La comunità di Abbadia San Salvatore si sta preparando al Natale e all’allestimento della fiaccolata del Monte Amiata. I custodi della tradizionale festa del fuoco hanno cominciato a scegliere la legna con cui realizzare le cataste che saranno incendiate il 24 dicembre.


Mercatino natalizio di Eggental: artigianato e natura


Qual è il significato della fiaccolata del Monte Amiata?

In Italia sono ancora diffusi i riti del fuoco, simbolo di calore, forza e virilità. Nella Penisola le feste in cui si accendono falò e fiaccole si svolgono tutto l’anno, spesso a celebrare l’arrivo dell’estate. Infatti, ci sono borghi in cui le fiamme divampano a San Giovanni, mentre in alcuni paesi la tradizione rivive il 14 e 15 agosto. Collegate all’avvicendarsi delle stagioni, le ricorrenze autunnali e invernali sono associate al prolungarsi delle tenebre in prossimità del solstizio. La luce delle pire poi rappresenta il sole che torna ad alzarsi in cielo. Sul Monte Amiata la consuetudine fa anche fare riferimento a un antico vulcano presente in zona.

Le fiaccole di Abbadia San Salvatore

Nel borgo del Monte Amiata la Vigilia di Natale si accendono le cataste di legna, posizionate lungo l’intero abitato. La realizzazione delle pire richiede una competenza artigianale che i paesani si tramandano da generazioni. Gli esperti in autunno si occupano dell’allestimento delle strutture ordinate di ceppi di faggio posizionati affinché brucino meglio. Poi i pezzi delle piante sono disposti uno sull’altro fino a formare tronchi di piramidi alti anche 7 metri. Gli abitanti del borgo sono i “figli del fuoco” che si occupano dei preparativi per la cerimonia che ha anche lo scopo di purificare.

I fuochi della notte di Natale

Il 24 dicembre la comunità si riunisce alle 18 per partecipare all’accensione delle fiaccole e alla “Benedizione del fuoco”. La musica della filarmonica e i canti natalizi accompagnano il momento rituale che dà alle fiamme legna, sventure, cattivi pensieri. Dal Municipio i Capi fiaccola attizzano poi tutte le cataste presenti nel borgo. Abbadia San Salvatore nel periodo delle festività diventa un villaggio natalizio che si anima con spettacoli, intrattenimenti, mercatini e altre iniziative.