Festival Internazionale del Giornalismo 2020 cancellato per Coronavirus

Il Festival Internazionale del Giornalismo 2020 è stato cancellato a causa del Coronavirus. Ecco cosa si legge sul sito ufficiale dell'evento.

0
591

In seguito ai primi contagi ufficiali del Coronavirus in Umbria, gli organizzatori del Festival Internazionale del Giornalismo sono dovuti andare in contro ad una decisione molto dolorosa: quella di cancellare l’edizione del 2020 dell’evento, la quale avrebbe dovuto tenersi fra circa un mese, al principio di aprile. La notizia arriva ufficialmente dal sito ufficiale dell’evento e dai profili social degli organizzatori Arianna Ciccone e Chris Potter, che con rammarico comunicano a tutti gli interessati di aver deciso di cancellare l’evento per tutelare la salute di relatori, volontari, pubblico e tutti coloro che avrebbero dovuto ruotare attorno ad un evento grosso come il Festival Internazionale del Giornalismo 2020.

Sul sito ufficiale si legge:

Annunciamo la cancellazione del Festival Internazionale del Giornalismo 2020 a causa del rischio sanitario dovuto al coronavirus. Sappiamo che questa decisione sarà un inconveniente per molti e causerà un danno economico ma allo stato attuale non si può fare altrimenti. Facciamo questo annuncio un mese prima dell’inizio del festival perchè crediamo che la comunità Del festival meriti che l’incertezza abbia fine. Preservare la salute dei perugini e di chiunque dovesse prendere parte al festival è la nostra priorità numero uno. Notate bene che il festival è cancellato, non posticipato. A metà settimana eravamo ottimisti, ma il progressivo deteriorarsi della situazione ed il cambiamento della posizione dell’oms ci obbliga a prendere questa estrema precauzione. Il festival internazionale del giornalismo riparte dal 14 al 21 aprile 2021: speriamo che chi era interessato a partecipare al festival internazionale del giornalismo 2020 possa partecipare al festival internazionale del giornalismo 2021.

Una notizia molto dolorosa per Perugia e per chi era interessato a partecipare ad un evento culturale che da anni si distingue non solo per gli ospiti molto importanti che vi prendono parte (sia giornalisti che personalità politiche o del mondo dello spettacolo) ma anche per la varietà degli argomenti affrontati e la qualità con cui molte tematiche di spessore vengono trattate nel corso dei convegni. Più che il danno economico preoccipa quindi il danno cultirale, il dover rinumcisre ad un’esperienza bellissima che ha pochi eguali in giro per l’Italia.

LEGGI ANCHE: LE DONAZIONI PER CORONAVIRUS DEI BTS E DEL REGISTA DI PARASITE