Festival del classico, letteratura e filosofia per formare i giovani

Definite le date della rassegna che coinvolge gli studenti: l'appuntamento è dal 29 novembre al 4 dicembre

0
314

L’uomo e il suo rapporto con la guerra, la pace e la malattia al Festival del classico di Torino. La terza edizione della rassegna culturale è in programma dal 29 novembre al 4 dicembre con tante inziative per gli studenti delle superiori e universitari. Gli insegnamenti di autori e filosofi del passato offrono lo spunto per riflettere sul mondo moderno e le sue problematiche. Luciano Canfora, studioso di storia e filosofia greca, è il presidente del festival e collabora all’organizzazione dell’evento con Ugo Cardinale, linguista e docente all’Università di Trieste.

Dibattiti e conferenze trattano il tema della rassegna e spettacoli teatrali contribuiscono ad aumentare l’interesse dei giovani verso la speculazione filosofica. Anche le sfide tra ragazzi e i dibattiti di retorica permettono alle nuove generazioni di sviluppare il pensiero critico. Ospiti ed interventi distribuiti in una settimana rendono queste materie più vivaci, ricreando l’atmosfera di fervido scambio di idee della scuola di Atene.

Festival del classico, Luciano Canfora e Ugo Cardinale tra gli organizzatori

La situazione attuale si presta alle considerazioni sulle patologie, intese come male non solo fisico, ma anche esistenziale. Alcune correnti di pensiero hanno teorizzato l’etica della cura, concettualizzando l’eutanasia e l’accanimento terapeutico. La filosofia della medicina ha quindi un ruolo nel miglioramento del benessere collettivo e dell’attenzione alla salute.

Guerra e pace, parole che evocano il caos e l’ordine, hanno assunto nelle diverse epoche significati più specifici, utilizzati in determinati contesti.
Alla rassegna torinese c’è spazio anche per la letteratura e le opere degli scrittori che si sono distinti per per forza comunicativa ed espressiva. Libri e cultura sono infatti degli strumenti per conoscere la società e le persone e trovare soluzioni a questioni dei nostri tempi. Il programma della manifestazione sarà disponibile dal 30 ottobre. Il festival ha il sostegno della Regione Piemonte, della Fondazione Crt e della città di Torino.

Commenti