Ferrara food festival: sfida tra cappellaccio e tortello

La prima edizione della manifestazione si svolgerà dal 5 al 7 novembre con iniziative culturali e promozione delle specialità locali

0
261

Un territorio dalla vocazione enogastronomica che per la prima volta propone al pubblico un momento di valorizzazione delle eccellenze locali. Dal 5 al 7 novembre Ferrara food festival è promozione del cibo regionale, cultura e riscoperta di ricette del passato.


Tagliatelle con asparagi e prosciutto di Parma


Su cosa punta Ferrara food festival?

L’evento è incentrato sulle specialità della buona tavola emiliana, ma presenta anche la storia e le tradizioni del ducato estense. Infatti, la signoria locale ha dato un’impronta alla zona, sia nell’assetto urbanistico che nella cucina. Pertanto è d’obbligo citare alcuni nomi dei nobili rinascimentali che hanno contribuito a creare le condizioni per sviluppare la cultura del buon cibo. Infatti, alcune preparazioni presenti sui ricettari dei cuochi della famiglia D’Este, come i cappellacci di zucca ferraresi, sono note ancora oggi. La tre giorni quindi presenta tradizioni secolari e il loro perpetrarsi anche attraverso le realtà associative.

La cultura culinaria estense nel trattato di di gastronomia di Cristoforo Messisburgo

Sabato 6 novembre alle 10 è al Palaestense è in programma la conferenza sul “Libro novo” dell’officiale alla corte estense. Storici ed esperti illustrano l’opera che fornisce consigli sulla preparazione delle vivande e offre un quadro della signoria rinascimentale. Cristoforo era anche interessato all’aspetto conviviale dei banchetti e quindi organizzava tra una portata e l’altra degli intermezzi musicali e di danza. Inoltre, ha perfezionato il taglio dei cibi.

La rievocazione storica del matrimonio tra Lucrezia Borgia e Alfonso d’Este

Oltre alla tradizione culinaria, la manifestazione propone anche un momento storico incentrato su due personaggi illustri del passato. Sabato pomeriggio per le vie della città passerà un corteo di attori in costumi dell’epoca. Si tratta del racconto delle nozze tra la nobildonna e il rampollo della casata ferrarese. In programma le esibizioni degli sbandieratori, giochi col fuoco e festeggiamenti secondo il costume rinascimentale.

Cooking show e gare culinarie a Ferrara food festival

In piazza Trento Trieste sarà allestita un’esposizione di prodotti tipici regionali, mentre nell’area Savonarola si riuniranno i produttori di tutta Italia. Sono poi in programma conferenze sulla celiachia, la biodiversità e le farine senza glutine di realtà locali. Sabato 5 novembre il Palaestense ospita la gara di preparazione dei salumi emiliani. Saranno considerati gli ingredienti scelti e il bilanciamento del gusto. Domenica 6 novembre invece il pubblico potrà assistere alla sfida tra sfogline di Ferrara e Mantova che prepareranno il cappellaccio e il tortello. L’Accademia della sfoglia di Ferrara parteciperà all’evento con una pasta formato gigante per le tagliatelle da cucinare per beneficenza. Domenica 7 Giancarlo Vissani riceverà il premio “Ambasciatore del gusto” e Edoardo Raspelli mostrerà il suo talento utilizzando cibi emiliani. I piatti che saranno serviti saranno a base di: vongola di Goro, aglio di Voghera, pane ferrarese di Bondeno, anguilla di Comacchio.