Feng Shui: le usanze culturali tra oriente e occidente

0
226

Il Feng Shui è un’antica arte geomantica taoista, propria della Cina. A differenza dell’occidente, e ben radicata nella sua cultura Attualmente però non esiste alcuna prova scientifica delle sue ipotesi ed è quindi considerata pseudoscienza in occidente. Ma come convivono queste realtà così diverse?

Cos’è il Feng Shui?

Feng Shui in cinese significa letteralmente “vento e acqua”. Il vento è il cielo, l’aria che trasporta le nuvole gonfie di pioggia, l’acqua senza la quale ogni creatura del Pianeta non potrebbe sopravvivere. L’antica disciplina del Feng Shui è considerata, appunto, indispensabile ed è un insieme di pratiche di lettura e di interpretazione del paesaggio, delle forme delle costruzioni e degli spazi interni agli edifici, allo scopo di evitare gli influssi negativi di varia natura che possono colpire le costruzioni e l’uomo.

A cosa serve?

Secondo questa antica disciplina cinese la relazione casa-uomo identifica l’aspetto vibratorio delle strutture energetiche in cui sono identificabili campi di energia sottile ai quali viene riconosciuta la caratteristica di costituire uno schema dentro cui scorre un’energia vitale collegata a tutte le forme di vita. Lo spazio in cui si vive e lavora così analizzato diventa contenitore che si adatta alla nostra personalità e alle attività che si svolgono. Nel rispetto delle leggi che armonizzano forme, funzioni e sostanze di tutta la materia così costituita.

Feng Shui: arredare per il benessere

Un lignaggio familiare

Gli esperti di Feng Shui a Shanghai provengono da famiglie che interpretano il Feng Shui da centinaia di anni. Sono prenotati tramite connessioni personali piuttosto che consultazioni, quindi è più difficile per qualcuno aprire un negozio e iniziare a fare reclami. Queste famiglie che hanno questa lunga discendenza allevano i loro figli per questo tipo di lavoro. Fin dall’infanzia, sono preparati per questo, quindi sono molto radicati nel lato spirituale della pratica.

Il Feng Shui: in occidente

C’è un dibattito nel mondo occidentale su quanta religione e spiritualità sia consentita in Cina. Ma la spiritualità è molto importante per molte persone del luogo. Laddove la religione detta l’intera vita delle persone nelle città, tra le persone a Shanghai. Credono nel lato spirituale della vita quando progettano un edificio o rinfrescano uno studio teatrale, e non lo toccheranno più fino a quando non sarà necessario la prossima volta. Le credenze spirituali emergono anche durante alcune feste e celebrazioni. Nulla di sbagliato nel dedicarsi alla religione, ma questo tipo di dedizione è un concetto che in occidente, è preso in considerazione solo occasionalmente piuttosto che tutti i giorni.

Vivere con il Feng Shui

Jordan Fraser lavora in uno studio teatrale a Shanghai che è di proprietà cinese e in gran parte gestito da stranieri, e racconta la sua esperienza: “Ogni giorno è nuovo e interessante poiché scopro sempre più modi per commettere errori. Vivo qui, ma sono sempre e solo confuso da ciò che sta accadendo intorno a me. Continuerò semplicemente a vivere e lavorare, e commetterò errori dai quali cercherò di imparare. La vita è un’avventura e a volte gli orologi devono essere posizionati sugli scaffali e fuori dalla vista. Così è la vita. Quindi, cosa posso dire sul vivere e lavorare con differenze culturali così selvagge? È arricchente e illuminante,  ma è anche scomodo e confuso. È un mix di sentimenti, ma di sicuro non è noioso.”