Fendom di Namio Harukawa ed emancipazione femminile

La pratica dell'oshiri giapponese illustrata dall'artista giapponese

0
610
Fendom di Namio Harukawa
Puoi acquistare il nuovo art book di Namio Haruka (immagine di bilal hassan da Pixabay)

Sensualità, voluttà ed erotismo caratterizzano le illustrazioni fendom di Namio Harukawa. Esalta la dominazione femminile e il piacere carnale diventando noto in Occidente dal 2000. Un art book riunisce i lavori dell’illustratore giapponese.


Milo Manara, maestro dell’erotismo a fumetti


Cos’è il fendom di Namio Harukawa?

Capeggiano nelle illustrazioni di Hasakawa donne dalle forme giunoniche che sottomettono il proprio slave. Pochi colori, il rosso evidenzia dei dettagli, contribuiscono ad esaltare corpi scoperti e desiderosi di mostrarsi. L’emancipazione muliebre passa anche l’esercizio del potere sessuale su uomini accondiscendenti. Non si tratta quindi semplicemente di sadismo, ma di pratiche che danno piacere ad entrambi. In alcune occasioni il maschio accetta di lasciare il comando alla partner. Questione anche di fiducia e stima che dall’intimità si manifesta a livello emotivo, sociale e spirituale.

Una celebrazione del corpo e dei glutei

Spesso in primo piano le natiche sono un invito a cogliere i piaceri della vita. Namio Hasakawa propone l’erotismo giapponese alla cultura occidentale e situazioni bondage e sodomaso. L’autore libera l’osservatore dall’ossessione delle forme abbondanti e dal concetto di maschio alfa. Molti paragonano le sue opere a quelle di Robert Crumb, ma il giapponese descrive i piaceri dell’oshiri e della lussuria senza inibizioni. Mentre il corpo femminile è celebrato, quello maschile quasi denigrato, rappresentando fisici debilitati e gracili. Gli uomini sono spesso senza volto ed evirati usati per il piacere delle donne.

L’art book di Namio Hasakawa

Un libro in formato deluxe riunisce le principali illustrazioni che l’autore ha pubblicato su riviste pulp ed erotiche. L’opera è bilingue in inglese e giapponese. Il volume testimonia l’apprezzamento del pubblico mondiale, tanto che i disegni dell’artista sono spesso presenti su siti erotici. Affronta diverse tematiche dal facesitting, al pissing fino al cunnilingus. Raffigura le sue donne con tratti asiatici, caucasici o africani, mentre i maschili sono sempre orientali.