Fano ( Pesaro Urbino) – Portato a largo il residuato bellico resterà in acqua 144 ore : poi sarà distrutto

0
374

La bomba resterà in acqua 144 ore (tempo massimo per unʼeventuale esplosione) prima di essere distrutta.

L’ordigno bellico risalente alla Seconda guerra mondiale trovato in un cantiere dell’Aset sul lungomare Sassonia di Fano, in provincia di Pesaro-Urbino e innescato per errore, è stato imbragato e trasportato due miglia al largo. “Il pericolo è cessato”, ha annunciato il sindaco di Fano, Massimo Seri: è così terminata la fase più delicata dell’operazione di rimozione della bomba, che ha richiesto l’evacuazione nel raggio di 1.800 metri.

Ora la bomba (un ordigno della Seconda Guerra Mondiale di fabbricazione inglese, 1,10 metri di lunghezza con un carico di oltre 225 chili di tritolo), messa in sicurezza dagli artificieri dell’esercito e della marina militare, resterà in mare almeno 144 ore (il tempo massimo per un’eventuale esplosione) prima della distruzione.

Commenti