Fake news: 23 sono la punta dell’iceberg

La punta dell’iceberg delle fake news. Ecco cosa sono le 23 pagine di con circa 2,5 milioni di followers che Facebook ha deciso di chiudere per via delle notizie false e della diffusione d’odio. Il numero si quintuplica: 111. Era stata la ong americana Avaaz, lo scorso 3 maggio, a emanare un rapporto scientifico che indicava le pagine e i gruppi italiani che non sottostanno alle regole del social network. Nell’elenco si notano numerose pagine dedicate ai due partiti di maggioranza, impegnate nella campagna elettorale in vista delle europee del 26 maggio.

Paura per le elezioni

La preoccupazione più importante, sostiene Avaaz, riguardava “l’integrità delle elezioni” che a suo dire, “era compromessa”. Le pagine più in risalto infatti, apparivano come se trattassero di argomenti generali, trasformandosi poi, all’insaputa dei followers, in pure fonti di propaganda politica e di odio gratuito. Eccone alcune:
“Vogliamo il movimento 5 stelle al governo”, in origine curiosamente denominata “Bombe sexy”, “Noi siamo 5 Stelle” che in precedenza era “Calcio passione”, “Lega Salvini Sulmona” derivata da “Il peggio del Grande Fratello 2018”. Insomma, modifiche non proprio lievi e soprattutto messe in atto all’insaputa degli utenti che avevano messo like o segui.

Nome nuovo, pagina vecchia

In un’intervista, un collaboratore di Avaaz, Luca Nicotra, rivela che “c’è un metodo preciso per aggirare le regole di Facebook, ovvero cambiare un nome alla volta della pagina per non farsi scoprire e far ritrovare poi migliaia di persone con un feed politico nella home”. Queste pagine dedicate alla violenta propaganda politica e alla diffusione d’odio sono state considerate troppo pericolose e quindi chiuse. Solo 23 su 111. Dal colosso social non è stata fornita una spiegazione dettagliata circa la chiusura, nè è chiaro quali provvedimenti prenderà in futuro su questa vicenda.

Il fatto che solo 23 pagine in tutto siano ora escluse dal social network, non equivale all’assoluzione delle altre, né presumibilmente funzionerà come deterrente. Ben 88 gruppi continueranno imperterriti con la diffusione di notizie false, diffamatorie e con la fomentazione dell’odio razziale.

Ecco l’elenco completo delle pagine:

  • Notizie Lega Nord
  • Grande Cocomero Classic
  • La Gazzetta della Sera By KontroKultura
  • Lega – Salvini premier News
  • Mafia Capitale
  • Kontrokultura
  • Segreto di Stato
  • Italia Sovrana e fuori dall’Europa
  • Jeda News
  • NERO Dentro
  • Liberi e Indipendenti
  • Adesso Basta
  • Virus5Stelle
  • CheVideo24.org
  • Piu’siamo PIU’ Rumore Facciamo”
  • YouMovies.it
  • Gossip e Cucina
  • Un’Italia senza Renzusconi – fan club.
  • 5Stelle TV
  • M5S \ LEGA
  • IO SONO populista
  • ViaggiNews e Sentimenti
  • E Sti Cazzi
  • La Verità ci Rende Liberi – Il Risveglio
  • Riscatto Nazionale
  • II Riscatto Nazionale
  • Pianetablunews
  • Anonymous attivisti
  • Fans club di Alessandro Di Battista
  • M5s- Attivisti Blasonati
  • Conte il Premier Populista
  • Dimissioni dei razzisti del Pd
  • La pagina eventi
  • Rassegne Italia
  • Amici di Beppe Grillo
  • Governo Del Cambiamento
  • Ma Anche No
  • Salute Eco Bio
  • DonneA5Stelle
  • Vera Informazione
  • Politici Mafiosi
  • Quel che non sai
  • Curiosauro
  • Forza Popolare
  • Politici Corrotti, confisca dei beni e carcere
  • La Repubblica Del Cazzeggio
  • CheNews e Viaggi.
  • L’Angolo della Risata
  • Affari condivisi
  • Leggilo.Org
  • Governo Giallo- Verde Al Servizio Del Paese
  • IL PD
  • Corriere della notizia
  • Beautiful exotic
  • Italia uguale Dittatura
  • Italia Patria Mia
  • Amici di Gianroberto Casaleggio
  • Notizie in Movimento
  • Gli Attivisti Cambiano il Mondo
  • M5S InSide
  • Daniele Ferrari Attivista M5S
  • Di Maio Conte Ministri del popolo
  • Prima aiutiamo gli Italiani poi si vede. – Movimento Adesso Italia
  • Adesso Italia
  • Riprendiamoci La Patria
  • Fascinazione
  • Salute e Alimentazione
  • UFO e Alieni le Verita’ Nascoste
  • Fronte dei Popoli
  • L’attivista a 5 stelle
  • Travaglio fans club
  • Di Matteo-Morra-Gratteri fans Club
  • Informazione Alternativa
  • La voce dell’Italia Onesta.
  • Rimani Informato
  • Viva La Patria
  • Mondo Sporco
  • Stelle di Vita
  • CheMusica & News
  • Nessuno di loro
  • Mafia Capitales
  • Grillino a mia insaputa
  • Adesso Basta! Movimento Italiano Contro La Politica Corrotta!
  • Salvini quasi simile. a Mosè. HA ridato al popolo la forza
  • Fronte del Popolo. Contributi e Dibattito.
  • MANDIAMO A CACARE L’EUROPA
  • IO SOSTENGO ADESSO ITALIA

Numeri da capogiro

Se i profili ufficiali dei principali esponenti politici, toccano quota 2 o 3 milioni di seguaci, la somma di queste temibili pagine arriva a più di 18. Facendo un rapido calcolo, i follower di Salvini e Di Maio insieme, rappresentano meno di un terzo degli altri. Ma non sono solo queste le cifre che preoccupano. Oltre al numero di persone che fruiscono delle loro “notizie”, la produzione di post di questi gruppi arriva anche a toccare quota 270 al giorno, magari attraverso 2 o 3 persone appartenenti ai relativi schieramenti politici che si occupano di scriverli.

Fake news: argomenti e bersagli

L’argomento più gettonato è sicuramente quello dei migranti. Immagini e video girati anni prima o in paesi diversi che mostrano stranieri che commettono reati è la norma. Un esempio: è stata mostrata una scena in cui un gruppo di persone di colore sfasciava un cassonetto alla periferia di Roma; in realtà il video è stato realizzato in Sud Africa durante un’insurrezione politica di qualche anno fa. Quando non si occupano di temi specifici, bersagliano le persone. In particolare, gli esponenti della cosiddetta intellighenzia, detti anche comunisti col Rolex o radical chic, sono l’obiettivo massimo. Roberto Saviano, Fabio Fazio, Laura Boldrini, sono alcuni dei più tristemente celebri personaggi che ogni giorno sono esposti alla gogna mediatica.

Le critiche

Non mancano le critiche alle segnalazioni di Avaaz. Il Giornale ad esempio scrive: “la società ha profondi legami con Soros e con il mondo progressista internazionale e per questo non è neutrale”. Tuttavia la ong smentisce di aver ricevuto alcun tipo di finanziamento.

Nessuno dei due massimi esponenti del governo si è finora espresso su questa vicenda. Sarà forse perché le fake news fanno comodo alla campagna elettorale?

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here