Facebook: rimossi contenuti illegali dopo sentenza UE

0
245
Facebook: rimossi contenuti illegali dopo sentenza UE

Facebook potrebbe essere obbligato a rimuovere contenuti illegali in tutto il mondo. Questa è la sentenza del tribunale di primo grado in Europa.

La sentenza

La sentenza indica che le piattaforme sociali devono cancellare i contenuti illegali. Il blocco riguarda 28 paesi, anche in quelli in cui non è illegale. Questo è quello che ha stabilito la Corte di giustizia dell’Unione Europea con sede a Lussemburgo:

“Il diritto dell’UE non preclude a un fornitore ospitante come Facebook l’ordine di rimuovere commenti identici e, in determinate circostanze, commenti equivalenti precedentemente dichiarati illegali. Inoltre, il diritto dell’UE non impedisce a tale ingiunzione di produrre effetti in tutto il mondo, nel quadro del pertinente diritto internazionale.”

La sentenza potrebbe essere applicata a qualsiasi piattaforma sociale e motore di ricerca che facilita le transazioni online.

Il caso di Google

La sentenza è arrivata appena una settimana dopo che lo stesso tribunale ha dichiarato a Google che non deve applicare la legge europea sul “diritto all’oblio” a livello globale.

Nel caso di Google il tribunale ha deciso che il diritto alla cancellazione dei dati personali non era assoluto. E’ necessario prendere in considerazione anche la libertà di informazione. Il diritto all’oblio ha un impatto limitato al motore di ricerca Google.

La risposta di Facebook

Facebook ha rifiutato la decisione. La società ha affermato:

“Mina il principio di vecchia data secondo cui un Paese non ha il diritto di imporre le sue leggi sul discorso a un altro Paese. Inoltre apre le porte agli obblighi imposti alle società di Internet per monitorare proattivamente i contenuti e quindi interpretare se è “equivalente” ai contenuti che sono stati trovati illegali. Per ottenere questo diritto, i tribunali nazionali dovranno stabilire definizioni molto chiare su cosa significano” identico “ed” equivalente “nella pratica. Speriamo che i tribunali adottino un approccio proporzionato e misurato, per evitare di avere un effetto agghiacciante sulla libertà di espressione.

In Regno Unito

L’articolo 19 del gruppo per i diritti del Regno Unito ha sostenuto Facebook. Afferma che potrebbe portare a piattaforme sociali che installano filtri automatizzati per lo screening dei contenuti. Il direttore esecutivo Thomas Hughes ha detto:

“Ciò costituirebbe un precedente pericoloso in cui i tribunali di un paese possono controllare ciò che gli utenti di Internet in un altro paese possono vedere. Ciò potrebbe essere soggetto ad abusi, in particolare da parte di regimi con dati deboli sui diritti umani.”

Meno commenti diffamatori

Facebook si è trovato sul banco degli imputati dopo che Eva Glawisching-Piesczek. Ha fatto causa alla società in un tribunale austriaco. Ha chiesto di eliminare i commenti diffamatori inviati da un utente. L’avvocato di Glawischnig Maria Windhager ha accolto con favore la sentenza.

“La CGUE sta prendendo posizione su questo tema in quanto afferma che si devono creare e rafforzare strumenti per il rispetto dei diritti personali. Si tratta meno del fatto che ci siano meno messaggi di odio, ma molto di più sulla crescente consapevolezza che possiamo difenderci con successo da questo e che verrà usato di più e che questo poi rafforza tutti noi nella lotta contro l’odio online discorso.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here