Facebook pro Afghanistan: 3 milioni di dollari in arrivo

0
418
facebook afghanistan

Facebook ha deciso di stanziare 3 milioni di dollari per sostenere l’emergenza umanitaria in Afghanistan.

Facebook dà una mano all’Afghanistan

Il social network Facebook donerà 3 milioni di dollari ai partner in Afghanistan e nel mondo per aiutare i rifugiati e venire incontro alle necessità umanitarie in quel paese. Il colosso social ha precisato che l’impegno coprirà la registrazione, il reinsediamento dei rifugiati, la protezione ed evacuazione delle persone a rischio, e l’assistenza umanitaria, compresi cibo, alloggio e assistenza sanitaria.

L’International Rescue Committee

A beneficiare di questa donazione sarà anche l’International Rescue Committee, una delle organizzazioni che riceve fondi per questi scopi. Lo stesso ente ha affermato la situazione allarmante nel Paese. Infatti oltre 18 milioni di persone in Afghanistan hanno bisogno di aiuti umanitari e quasi 500.000 afgani lasceranno il paese entro la fine dell’anno. Le raccolte fondi saranno stanziate per progetti come Women for Afghan Women’s Fundraiser, che ha raccolto più di 184.000 dollari, e l’Afghan Legal Support & Resettlement Fund, che ha totalizzato quasi 30.000 dollari fino ad oggi per l’Afghan Support Project del Pars Equality Center.


Afghanistan: ONU convocherà conferenza sugli aiuti il 13 settembre


La risposta di Facebook

L’amministratore delegato di Facebook Sheryl Sandberg ha dichiarato in un post: “Proteggere le persone in Afghanistan dai danni è così importante e così impegnativo durante questa crisi. Sono sbalordito dalla resilienza e dal coraggio delle donne afghane che hanno protestato a Kabul ea Herat, chiedendo la parità di diritti. Allo stesso tempo, ascoltiamo storie strazianti su donne e ragazze prove brucianti della loro carriera e istruzione. Anche giornalisti, attivisti, educatori e le loro famiglie vivono nella paura”. Ha poi aggiunto: “I nostri pensieri rimangono con la comunità afghana, compresi i nostri colleghi afgani e altri con stretti legami con il Paese. Grazie a tutti coloro che hanno sensibilizzato su questi temi e hanno generosamente donato per sostenere il popolo afgano durante questa crisi”.