Facebook in Australia: cede alla nuova legge?

0
184

La versione di Facebook in Australia ha avuto decisamente meno notizie una settimana fa, dopo che la società ha bloccato i punti di informazione australiani dal pubblicare le loro storie sulla piattaforma, e gli utenti dalla condivisione di notizie da qualsiasi media in tutto il mondo.

Cosa è successo in Australia

Il traffico verso i siti di notizie australiani è sceso fino al 20%, secondo Axios. Questa mossa è avvenuta in risposta a una nuova legge che richiede alle grandi piattaforme come Facebook e Google di pagare per ogni articolo di notizie trasportato sulle loro reti, qualcosa che entrambe le aziende hanno obiettato. Per i critici della società, compresi alcuni membri del governo, la mossa era un altro segno che Facebook ha troppo potere e deve essere regolamentato. Per i difensori dell’internet aperto, tra cui il creatore del World Wide Web Sir Tim Berners Lee, è stato un segno di come i governi stanno esagerando quando si tratta di legislazione volta a limitare il potere delle piattaforme e/o a finanziare il giornalismo.


Facebook blocca l’Australia dalla visione delle notizie


Facebook ha ceduto alle condizioni Australiane?

Facebook ha finalmente detto lunedì che stava rimuovendo il blocco della condivisione in Australia, come risultato degli emendamenti alla legge. Ma la guerra stessa mostra pochi segni di arresto. Se non altro, la pressione dell’Australia su Google e Facebook, e il conseguente accordo con quest’ultimo – per quanto vago possa essere in pratica – sembra solo aver aumentato l’interesse di altri paesi nel cercare di ripetere le misure dell’Australia. (Anche Microsoft sta cercando di aiutare a spingere questo tipo di legislazione, probabilmente per ragioni di concorrenza). Anche se i cittadini hanno perso la capacità di pubblicare notizie per alcuni giorni, le aziende dei media sono suscettibili di ottenere una manna dal cielo come risultato (emittenti come Seven e Nine hanno già ottenuto 30 milioni di dollari ciascuna da Google). Facebook si è impegnato a investire più di 1 miliardo di dollari nell’industria dei media in tutto il mondo nei prossimi tre anni. Il Canada ha detto di essere interessato a perseguire una legislazione simile a quella proposta dall’Australia, e i legislatori dell’Unione Europea sembrano similmente innamorati del codice e della sua capacità di spremere le piattaforme.

La legge australiana attira le legislature degli altri stati

La legge australiana è una versione più dura della legislazione introdotta in Francia e Germania diversi anni fa, dopo il passaggio da parte dell’UE di nuove regole di copyright su quelli che sono chiamati “diritti vicini”, che si applicano agli aggregatori come Google News. Le variazioni francesi e tedesche di quelle leggi hanno avuto risultati contrastanti, in parte perché sono difficili da applicare. In Francia all’inizio di questa settimana, i regolatori antitrust hanno pubblicato un rapporto che accusa Google di non aver rispettato le regole che richiedono di tenere colloqui con gli editori sul pagamento dei loro contenuti. Il gigante della ricerca ha firmato un accordo triennale del valore di 76 milioni di dollari con un certo numero di editori francesi all’inizio di quest’anno, ma alcune notizie più piccole non sono state incluse nell’accordo. Secondo le autorità di regolamentazione, Google non è riuscito a tenere colloqui con questi altri editori “in buona fede” per trovare un accordo sul pagamento. Questo aiuta a spiegare perché la versione australiana della stessa legislazione impone un arbitrato vincolante obbligatorio se una piattaforma non riesce a negoziare con un editore dopo un certo periodo di tempo.

Cosa afferma la clausula per Google e Facebook?

In effetti, il requisito dell’arbitrato vincolante è stato uno degli aspetti del codice australiano che Gogle e Facebook hanno maggiormente contestato. La clausola afferma che se le aziende non tengono colloqui in buona fede, saranno costrette ad un arbitrato con qualcuno scelto dal governo, che avrà poi la possibilità di indicare un prezzo che le piattaforme dovranno pagare. Uno degli emendamenti che ha ottenuto che Facebook lasciasse cadere il suo divieto di notizie ha dato alla società un periodo di tempo esteso in cui raggiungere accordi con gli editori di notizie prima che la clausola di arbitrato forzato fosse attivata. Più importante è stata la concessione del governo che Facebook avrebbe dovuto firmare solo accordi di massa con gli editori di notizie, non pagare per ogni notizia condivisa da chiunque sulla sua piattaforma. E se firma abbastanza accordi – la strategia che Google ha scelto di seguire fin dall’inizio – allora il suggerimento è che gli altri aspetti della legislazione proposta (che richiedeva cose come 30 giorni di preavviso per i cambiamenti all’algoritmo di raccomandazione) non saranno più applicabili.

Questa legislatura segna una vittoria per Facebook in l’Australia?

L’Australia può sentire di essere uscita vittoriosa dalla battaglia con Facebook – dopo tutto, anche dopo aver capitolato alla politica di Facebook, gli editori di notizie del paese stanno per ottenere pagamenti in contanti dal social network e da Google, che era l’obiettivo della legislazione proposta. E questo senza dubbio incoraggerà altri paesi a perseguire campagne simili. Ma molte domande rimangono senza risposta. Anche se assumiamo che Google e Facebook abbiano qualche responsabilità per il declino dell’industria dei media (che alcuni credono sia una forzatura), se i governi vogliono sostenere finanziariamente il giornalismo, perché non imporre una tassa diretta sulle piattaforme, o sulla pubblicità digitale, invece di usare il copyright come porta di servizio? E se la maggior parte dei pagamenti delle piattaforme va a media affermati come quelli gestiti da Rupert Murdoch – che controlla una gran parte della stampa australiana, ed è ampiamente visto come l’impulso dietro la legislazione – cosa succede agli editori di notizie più piccoli e indipendenti?

Commenti