Expedia: niente viaggi se ci sono cetacei in cattività nell’offerta

0
297

Ci sono state crescenti richieste negli ultimi anni, anche da parte della moglie del primo ministro inglese, Carrie Johnson, per vietare attrazioni ed esperienze che coinvolgono creature marine in cattività. Ora Expedia ha raccolto l’invito e non mostrerà più offerte d viaggio in cui sono coinvolti spettacoli o esperienze con cetacei in cattività.

Perchè Expedia abbraccia questa politica?

Annunciando la mossa su Twitter, l’azienda ha detto: “Abbiamo recentemente adeguato la nostra politica sul benessere degli animali. Di conseguenza, le attrazioni e le attività che coinvolgono spettacoli o interazioni con delfini e altri cetacei non saranno più disponibili sui nostri siti”. Sul sito di Expedia chiarisce inoltre che “i santuari marini che forniscono agli animali in cattività un ambiente di vita permanente in riva al mare sono consentiti se sono accreditati e non presentano interazioni o spettacoli“. Gli attivisti sperano che altre compagnie seguano l’esempio. La compagnia ha anche dichiarato che non “permette il contatto fisico intenzionale con animali selvaggi ed esotici, che includono ma non sono limitati a delfini, balene, cetacei, elefanti, grandi felini, orsi, rettili e primati“, e inoltre non vende attività che coinvolgono caffè di animali esotici, ristoranti e zoo itineranti.

Le politiche dei competitor

Virgin Holidays ha annunciato nel 2019 che non avrebbe più venduto biglietti per tali attrazioni ed esperienze. Katheryn Wise, dell’ente di beneficenza per la fauna selvatica World Animal Protection, ha detto: “Questa è una notizia incredibile e qualcosa per cui abbiamo fatto una campagna dal 2019. Siamo così lieti che abbiano ascoltato. Le compagnie di viaggio giocano un ruolo enorme nel guidare l’intrattenimento dei delfini in cattività e come una delle più grandi compagnie di viaggio del mondo siamo lieti che Expedia Group stia facendo una posizione. È ora che altri giganti dei viaggi … facciano la cosa giusta e seguano l’esempio”.L’agenzia di stampa PA Media ha riferito che l’azienda intende attuare la politica entro l’inizio del 2022. “Diamo ai nostri fornitori 30 giorni per conformarsi alla politica aggiornata o affrontare la rimozione dal sito“, ha detto Expedia.

Le iniziative delle agenzie di viaggi per il benessere degli animali

Le compagnie di viaggio si stanno muovendo sempre più per prendere le distanze da attrazioni animali non etiche. Intrepid Travel ha scatenato un effetto domino tra le altre compagnie quando ha cessato tutte le attività di elefanti nel 2014. L’associazione di viaggi Abta ha aggiornato le sue linee guida sul benessere degli animali nel gennaio 2020 per classificare come inaccettabili le attività con elefanti in cattività e il contatto turistico o l’alimentazione di grandi scimmie, orsi, coccodrilli o alligatori, orche, bradipi e gatti selvatici. L’azienda di viaggi modifica la politica sul benessere degli animali per non offrire più attività che coinvolgono cetacei in cattività