Evoluzione umana, al Circeo i resti del Neanderthal

Ritrovati nella grotta Guattari le ossa di 9 individui maschi con carcasse di animali

0
291
Uomo di Neanderthal

Il ritrovamento dei resti di uomo di Neanderthal al Circeo fa pensare all’evoluzione umana. L’archeologia fa emergere tracce del passato che possono diventare argomento di una riflessione sulla società e se stessi.


Charles Darwin e la teoria sull’origine delle specie


L’evoluzione umana ha cambiato il nostro comportamento?

Ci sono delle differenze tra l’uomo moderno e il progenitore che viveva nelle caverne e utilizzava la selce per cacciare e fabbricare strumenti. La postura, l’uso di abiti, l’aspetto che caratterizzano i contemporanei sembrano allontanare l’immagine dall’ominide. Tuttavia, in alcune situazioni la reazione è la stessa. Il nervosismo nel traffico cittadino, premendo sul clacson, o le grida allo stadio sono comportamenti che Neanderthal assumeva nella Preistoria. Cambia però il contesto.

Il genoma di Neanderthal

Studi dell’Università di Princetown hanno dimostrato che nell’uomo moderno c’è il 2% dei geni di Neanderthal. Conserviamo il patrimonio biologico del progenitore scomparso 40mila anni fa perché alcuni Sapiens si sono uniti all’ominide. In precedenza si pensava che le due razze fossero distanti geograficamente e non si incontrassero. Inoltre, si riteneva nell’uomo moderno non ci fosse traccia di Dna dell’antenato preistorico. I caratteri antichi si manifestano nel colore dei capelli, nel metabolismo e nel predisposizione a rischio di disturbi mentali. Se oggi abbiamo problemi a metabolizzare i grassi o problemi alimentari, la causa è proprio l’eredità del primate.

Al Circeo i resti di alcuni Neanderthal

La grotta di Guattari ha restituito i fossili di uomini e animali, prova delle attività di una comunità preistorica. Uomini adulti e un giovane erano dediti alla caccia e alla tessitura e avevano una dieta variegata, come testimoniano i denti ritrovati. La datazioni dei reperti va dai 68-50mila e tra 90 e 100mila anni fa. La scoperta può fornire nuove informazioni sulla socialità degli ominidi e le condizioni climatiche e geologiche della zona in provincia di Frosinone.

L’evoluzione umana contemporanea

Sono passati millenni e l’umanità si confronta ancora con i grandi interrogativi della morte e della malattia. I progressi scientifici e tecnologici offrono un miglioramento delle condizioni di vita e un benessere alla portata di tutti. L’uomo sembra così aver raggiunto il più alto livello di conoscenza e il mondo non ha più segreti. La conquista dello spazio e i progetti per colonizzare altri pianeti sono il frutto di un desiderio di trovare qualcosa al di fuori della Terra. Se il Dna è quello dell’Homo sapiens sapiens, l’evoluzione si attua anche attraverso le scelte degli individui che cercano di raggiungere la felicità.