Evasione dai domiciliari e resistenza a pubblico ufficiale: arrestato 41enne

0
215
domiciliari

L’uomo, di Scalea, non si è fermato all’alt della polizia dandosi alla fuga. Fermato ed identificato è stato ricondotto ai domiciliari

Polizia di Stato-Diamante (CS) arrestato quarantunenne per evasione e resistenza a pubblico ufficiale. Nell’ambito dei rafforzamenti dei servizi estivi di vigilanza stradale predisposti dal Compartimento di Polizia Stradale per la Calabria di Catanzaro, personale della Polizia di Stato in servizio al Distaccamento di Scalea (CS) hanno effettuato l’arresto di un quarantunenne del posto, pregiudicato, già in regime di arresti domiciliari, per i reati di evasione e resistenza a pubblico ufficiale.

Nello specifico, la pattuglia impegnata lungo la SS 18 litoranea, già interessata dal consueto traffico intenso estivo, ricevuta la segnalazione di un furgone il cui conducente guidava pericolosamente proprio in quel tratto di strada, pressi Diamante, riusciva immediatamente ad individuare il veicolo anche per via delle targhe occultate.

Cassano all’Ionio (Cosenza) – Operazione potente contro la cosca della ‘Ndrangheta Forastefano

Scalea (Cosenza) – Distrutto stabilimento balneare da un incendio doloso

Roseto Capo Spulico (Cosenza) – Fermato uomo che girava in auto con 74 mila…

Intimato l’alt al conducente questi per tutta risposta accelerava; a questo punto gli agenti si ponevano all’inseguimento, attivando gli allarmi e ponendo in essere tutte le cautele del caso e soprattutto salvaguardando la sicurezza dei numerosi conducenti che in quel momento percorrevano il tratto di strada interessato.

Raggiunto il veicolo dopo alcune centinaia di metri di tallonamento, identificavano il conducente quale pregiudicato del luogo sottoposto agli arresti domiciliari per reati di droga, con deroghe di orario ma in violazione di esse.  

Veniva così reso edotto dell’accaduto il Pubblico ministero di turno presso la Procura di Paola, che ne disponeva la risotto posizione agli arresti, con notizia veicolata al magistrato di sorveglianza per l’aggravamento delle modalità di esecuzione della pena.