Estonia: rimosso un memoriale di epoca sovietica

0
216
Estonia: rimosso il memoriale di epoca sovietica

L’Estonia ha rimosso un memoriale di epoca sovietica. Secondo il governo estone, la Russia sta cercando di sfruttare le divisioni interne per destabilizzare il Paese.

Estonia: rimosso un memoriale sovietico

L’Estonia ha rimosso un memoriale della seconda guerra mondiale dell’era sovietica da Narva, una città con una vasta minoranza di lingua russa. Il governo ha affermato di aver preso tale decisione a causa delle crescenti tensioni attorno ai memorali di Narva. Precedentemente il sindaco di Narva, Katri Raik, si era rifiutato di consegnare il memoriale al museo della guerra. Il primo ministro estone, Kaja Kallas, ha accusato la Russia di utilizzare tali monumenti per suscitare tensioni. Alle parole di Kallas fanno seguito quelle del ministro degli Esteri Urmas Reinsalu, che ha affermato che la Russia sta cercando di sfruttare le “divisioni interne” in Estonia. Il ministro dell’Interno Lauri Laanamets ha invece detto che “è nell’interesse dell’ordine pubblico e della sicurezza interna rimuovere i monumenti in questione prima di un ulteriore aumento delle tensioni intorno ad essi”.

Gli Stati baltici dell’Estonia e della Lettonia hanno entrambi grandi minoranze di lingua russa, che sono molte volte in contrasto con i governi nazionali. Molti analisti sono preoccupati che Mosca possa sfruttare queste differenze per destabilizzare i due paesi baltici, che sono entrambi membri sia dell’Unione europea che della NATO.


Leggi anche: Estonia blocca i visti per gli studenti russi