Esplosione in Libano uccide 20 persone

0
335

Un’esplosione in Libano ha ucisso 20 persone e ferito molte altre. La tragedia ha travolto le strutture mediche. La ricerca dei dispersi è ancora in corso. “Le nostre squadre hanno trasportato 20 cadaveri… dall’esplosione del serbatoio” agli ospedali, ha detto la Croce Rossa libanese su Twitter.

Cosa è successo nell’esplosione in Libano?

Altre 79 persone sono rimaste ferite durante l’esplosione, avvenuta ad al-Talil, nella regione settentrionale di Akkar. L’agenzia di stampa nazionale ufficiale ha affermato che un contenitore di carburante che l’esercito aveva confiscato era esploso. Ha detto che l’esplosione ha seguito tafferugli tra “residenti che si sono radunati intorno al contenitore per fare il pieno di benzina” durante la notte.


Il Libano è in ginocchio: un nuovo governo e vite sospese


Le difficoltà della cura dei feriti

Marwa al Sheikh, di Akkar, ha portato il fratello di 23 anni, Ismail, all’alba in un centro ustionati di Beirut; una delle due sole strutture del genere nel paese. Era stato allontanato dalla maggior parte degli ospedali del nord che non erano in grado di curare le ustioni al braccio e alle gambe subite durante l’esplosione. “Di notte, siamo stati informati che l’esercito stava distribuendo benzina… quindi la gente si accalcava per riempire contenitori di plastica… direttamente dal serbatoio“, ha detto Marwa all’AFP. “La maggior parte delle persone che erano lì hanno detto che qualcuno aveva gettato un accendino sul pavimento” provocando un incendio che ha portato rapidamente all’esplosione, ha aggiunto.

Impossibile identificare le vittime

George Kettaneh della Croce Rossa libanese ha detto ai media locali che i primi soccorritori hanno ricevuto segnalazioni di un’esplosione poco prima delle 2:00. Ha avvertito che la tragedia aumenterà la pressione sul centro ustionati dell’ospedale di Geitawi a Beirut e sull’altra struttura specialistica del paese, nella città settentrionale di Tripoli. Yassine Metlej, un dipendente di un ospedale di Akkar, ha affermato di aver ricevuto almeno sette cadaveri e dozzine di ustionati. “I cadaveri sono così carbonizzati che non possiamo identificarli“, ha detto all’AFP. “Alcuni hanno perso la faccia, altri le braccia”. Ha detto che l’ospedale ha dovuto allontanare la maggior parte dei feriti perché non è attrezzato per curare gravi ustioni. Il centro ustionati dell’ospedale Al-Salam di Tripoli ha lottato con l’afflusso di pazienti e ha dovuto respingerne molti. Anche il centro ustionati di Geitawi ha faticato a tenere il passo. “Le ustioni sono molto gravi… quasi tutti i loro corpi sono bruciati”, ha detto un medico lì. Il ministro della Sanità custode Hamad Hassan ha incaricato gli ospedali di tutto il paese di “ricevere i feriti… a spese del ministero e senza riluttanza”.

La crisi sulla crisi

Il Libano, colpito da una crisi finanziaria ritenuta dalla Banca Mondiale come una delle peggiori del pianeta dal 1850, è alle prese con l’aumento della povertà, una valuta in caduta libera e una terribile carenza di carburante. Sabato l’esercito libanese ha dichiarato di aver sequestrato migliaia di litri di benzina e diesel che i distributori stavano accumulando nelle stazioni di tutto il paese. La carenza di carburante ha lasciato molti con solo due ore di elettricità al giorno, mentre diversi ospedali hanno recentemente avvertito che potrebbero dover chiudere a causa di interruzioni di corrente. L’American University of Beirut Medical Center, il principale ospedale privato del paese, ha dichiarato che chiuderà lunedì mattina se non assicurerà il diesel per alimentare i generatori. Ha avvertito che ciò avrebbe causato centinaia di morti.

La ricerca dei dispersi

Centinaia di residenti di Akkar si sono riversati sul luogo dell’esplosione che è stato transennato dall’esercito domenica mattina presto, secondo l’NNA. Soldati e soccorritori stavano perlustrando l’area alla ricerca di persone scomparse e sopravvissuti, ha detto la NNA. Il presidente libanese Michel Aoun ha chiesto un’indagine sulle circostanze che hanno portato all’esplosione. L’esplosione di Akkar arriva meno di due settimane dopo che il Libano ha segnato il primo anniversario di un’esplosione al porto di Beirut la scorsa estate che ha ucciso più di 200 persone. Il 4 agosto 2020, uno stock di fertilizzante a base di nitrato di ammonio immagazzinato alla rinfusa è esploso e ha lasciato zone della capitale simili a una zona di guerra. È stata una delle più grandi esplosioni non nucleari della storia. Nell’anno successivo, nessun funzionario è stato ritenuto responsabile di quell’esplosione. Nonostante la crisi economica, le dispute politiche hanno ritardato la formazione di un nuovo governo dopo le dimissioni dell’ultimo governo a seguito dell’esplosione del porto. I donatori internazionali hanno promesso centinaia di milioni di dollari in aiuti umanitari, ma i fondi restano subordinati alla formazione di un nuovo governo per guidare le riforme e alla ripresa dei colloqui con il Fondo monetario internazionale.