Esercitazioni militari nel Mediterraneo tra Francia, Emirati Arabi Uniti e Grecia

0
846
esercitazioni militari

Aerei Francesi e Emirati Arabi Uniti si uniscono alle esercitazioni militari congiunte i tre Paesi della regione del Mediterraneo orientale. Non si può negare che questa sia l’ennesima tappa del gioco di nervi tra la Turchia e i Paesi che si oppongono alla politica di Ankara nella regione. Il risultato di tutto questo, in combinazione con il “bullismo” dei turchi in Grecia, Egitto e Cipro, è stata l’immediata attivazione della macchina da guerra francese e saudita nel Mediterraneo centrale e orientale, la cui leadership militare apprezza debitamente le forze armate greche, e soprattutto l’AP che la considera la forza più combattiva in Europa.

Francia e Emirati Arabi Uniti in aiuto alla Grecia con le esercitazioni militari

Quattro aerei multiruolo F-16 dell’aviazione degli Emirati Arabi Uniti (Emirati Arabi Uniti) dovrebbero arrivare o sono già apparsi sull’isola greca di Creta. La base dell’aviazione militare greca che dovrebbe ospitarli è la famosa Souda.

In totale, l’aviazione degli Emirati Arabi Uniti ha più di settanta F-16. Oltre ai velivoli e ai loro piloti, sarà schierato il necessario personale di supporto delle forze aeree degli Emirati Arabi Uniti.

A quelli sauditi si aggiungono altri 3 nuovi caccia dotati di missili anti-nave e sistemi di interferenza elettronica Rafale. Esercitazioni che si svolgeranno all’incirca nello stesso periodo in cui i 4 caccia UAE F16 block 60 saranno a Souda.

Questa è la prima volta che tre paesi NATO eseguono esercitazioni militari per contenere un altro paese NATO da una possibile espansione nel Mediterraneo.


La marina greca blocca carico armi destinato alla Libia


Una coalizione in difesa della Grecia

I turchi, come mostrano i dati, saranno intrappolati da Greci, Francesi, Emirati Arabi Uniti, mentre sullo sfondo arriveranno gli Egiziani che vogliono essere presenti negli sviluppi della regione.

Va ricordato che prima, nelle vicinanze di Creta e sull’isola stessa, si sono potuti vedere gli effetti del riavvicinamento militare tra Grecia e Francia, gli aerei e le navi francesi hanno operato nell’area.

Attualmente, Atene sta ricevendo un altro importante segnale di sostegno in termini di situazione di crisi con la Turchia, ma da un potenziale partner di coalizione del gruppo degli Stati arabi.

Va tenuto presente che gli Emirati Arabi Uniti sono in competizione con la Turchia, soprattutto nel campo del conflitto contemporaneo in Libia.

Attualmente i ruoli delle potenze Europe Francia e Germania sembrano quelle del buono e del cattivo poliziotto. La Francia manda navi e aerei per partecipare alle esercitazioni navali, mentre la Germania cerca una soluzione politica tramite il dialogo.

Le accuse della Turchia sulle esercitazioni militari nel Mediterraneo

Il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha accusato la Grecia di mettere in pericolo la sicurezza della navigazione dopo aver annunciato esercitazioni militari e navali nei pressi del sito dove la Turchia sta trivellando in una zona contesa del Mediterraneo.

In un discorso di lunedì, Erdogan ha detto che la Grecia sta mettendo in pericolo la sicurezza costiera e la sicurezza della navigazione di tutte le navi della regione.

Ha avvertito che il suo atteggiamento nei confronti del diritto internazionale ha gettato la Grecia “in un caos da cui non può uscire”.

Erdogan ha fatto voto lunedì di non abbandonare la ricerca di energia nel Mediterraneo orientale.

“La Turchia non farà il minimo passo indietro per quanto riguarda le operazioni dell’Orus Reis né (riguardo) la nostra flotta (navale)”, ha detto. “Al contrario, la Turchia agirà con maggiore determinazione per quanto riguarda la protezione dei suoi diritti e delle leggi della regione”.

La Marina greca sta “cercando” nuove unità di superficie

Dall’inizio di agosto la Grecia sta terminando l’ultimo lanciarazzi di classe Roussen, circa 20 anni dopo l’inizio del programma.

I ritardi del progetto sono dovuti in parte alla crisi economica che ha colpito il Paese, costringendo i funzionari del Ministero della Difesa greco a rimandare la maggior parte dei piani di modernizzazione della marina greca.

Ora gli stessi ufficiali stanno “correndo” la gara di velocità per modernizzare una flotta che sta invecchiando, in un’area di mare sempre più volatile, in un momento in cui le capacità navali della Turchia cominciano a crescere.

Parola d’ordine “modernizzazione”

In passato la Grecia ha lavorato soprattutto con i Paesi europei per costruire la sua potenza navale.

Negli anni ’80 ha acquistato fregate usate della classe Kortenaer dai Paesi Bassi e ha acquistato quattro fregate tedesche della classe MEKO 200 HYDRA. Tre delle quali sono state costruite nei cantieri navali greci.

Queste fregate sono oggi la spina dorsale della flotta greca. Inoltre, queste limitate collaborazioni si sono rivelate un successo in quanto hanno fornito alla Marina Greca navi ben equipaggiate.

Questo ha permesso alla Grecia di mantenere un’industria cantieristica modesta ma capace. La Grecia ha prodotto la maggior parte delle navi più piccole della sua marina militare.

Tuttavia, le unità di superficie greche sono ora relativamente vecchie. Le scelte europee potrebbero rendere la Grecia di nuovo grande in mare come nell’antichità.

La Grecia aveva l’ambizione di acquisire la fregata francese a più missioni FREMM, ma le stime economiche hanno costretto queste ambizioni al declino.

Atene sta ora prendendo in considerazione una nuova classe Belhara. In considerazione anche possibili acquisizioni dagli Stati Uniti come parte della modernizzazione della sua flotta.

L’ammodernamento della vita media delle fregate della classe Hydra è un’altra priorità, che mira a prolungare la vita delle navi di circa 15 anni con nuovi sistemi di combattimento, sensori e armi.

Foto Ekathiterimi

Commenti