Erdoğan è feccia e lo vuole dimostrare in tutte le forme

0
169
Erdoğan è feccia

Il sessismo e razzismo spirituale mostra sempre di più che Erdoğan è feccia, ma anche che gli europei, soprattutto i politici sono più feccia di lui. Chi accetta nella sua casa un criminale simile è abituato a trattare con la spazzatura quindi si sente a proprio agio. Chi si sente a proprio agio nella spazzatura è spazzatura.

Erdoğan è la feccia che entrerà in Europa?

In un mondo che cerca l’evoluzione morale, in un mondo che corre dietro ai diritti civili e spirituali, gli europei aprono le porte all’arretratezza culturale. Nell’incontro organizzato per dare milioni di euro ai turchi per la questione migranti, il pessimo Erdoğan si permette di violare il protocollo e offende le nostre donne. La fama del pessimo presidente turco Erdoğan, non certo positiva per quanto riguarda la parità di genere e per i diritti umani, non si smentisce. I leader Ue sono in visita ad Ankara, per l’incontro ufficiale con il presidente turco. Il presidente del Consiglio Ue, Charles Michel, e la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen devono parlare di soldi con il criminale Erdoğan. Il primo è stato fatto accomodare, come da regole protocollo, sulle poltroncine con le bandiere alle spalle, a Von der Leyen è stato negato questo atto formale: a lei viene dato un divanetto distante dai due.


Charles Michel: “Stiamo tendendo la mano, ora spetta alla Turchia”


La vergogna siamo noi

La vergogna siamo noi che permettiamo a questa feccia di entrare a casa nostra e dettare regole. Attenzione non sto parlando di migranti: ben venuti e ben vengano. Mi riferisco ai criminali e Erdoğan è feccia, e a casa nostra lui e la sua cultura sessista e repressiva non deve entrare. Il disappunto della Von der Leyen mentre gli altri due si accomodano sulle poltrone è evidente. Ma la domanda è: perché Signora Von del Layen lei e quell’altro pupazzetto che si porta dietro non siete andati via? Perché non avete abbandonato l’incontro per violazione del protocollo? L’errore siamo noi che permettiamo questo.

Commenti