Enrico III d’Inghilterra – 1264: Battaglia di Lewes

0
512

Il 14 maggio 1264, Enrico III d’Inghilterra non rispetta le regole, delle Disposizioni di Oxford. A causa della politica di ribellione del sovrano inglese, la conseguenza della Battaglia di Lewes, scontro bellico da cui il conte di Leicester Simone V di Monfort sale al potere governativo del Paese. Anche nota come Seconda guerra dei baroni, una serie di conflitti armati, con la vittoria iniziale dei baroni ed il successo definitivo delle forze realiste.

Enrico III d’Inghilterra chi è?

Il monarca inglese nasce il 1° ottobre 1207 ad Winchester (Regno Unito) e decede il 16 novembre 1272 a Londra. Nel 1216, Enrico eredita il trono d’Inghilterra dal padre, all’età di nove anni. Di fatto, la nomina di due tutori per il nuovo sovrano minorenne, di cui: il cardinale Guala Bicchieri ed il Cavaliere Guglielmo conte di Pembroke.

Nello stesso periodo, l’occupazione dei ribelli della città di Londra, con la proposta del trono inglese al Re di Francia Luigi VIII. Segue l’azione bellica del monarca francese, con l’invasione dell’Inghilterra e la salita del medesimo alla Corona. Inoltre, il conte di Pembroke governa il Paese come reggente, durante la giovane età del monarca d’Inghilterra, con l’aiuto di alcuni collaboratori.

Nel 1223, Enrico ormai maggiorenne ottiene i poteri ufficiali della Corona inglese e trova come unico consigliere il conte Hubert de Burgh. In seguito, la nascita di rivolte governative, per l’opposizione ideologica di Pietro de Roches, che accorda delle soluzioni con il sovrano d’Inghilterra.

Intorno al 1260 circa, delle divergenze tra Re Enrico III ed il noto barone Simone V di Monfort. A fronte di ciò, la decisione del monarca d’Inghilterra del disconoscimento degli Statuti, che la corte di Parigi annulla nel 1264. Da qui il Conte di Leicester intende la guerra, come unica possibilità di risoluzione tra baroni e Casa Reale.

La Battaglia di Lewes

Il 14 maggio 1264, il barone Simone V di Monfort ottiene una vittoria iniziale, nella Battaglia di Lewes, dove assume la guida di governo del Regno. L’anno dopo, la convocazione del parlamento inglese, in assenza dell’approvazione del monarca. Intanto, Simone V di Monfort guida il territorio del Galles ed il figlio di Enrico III conquista Gloucester.

Come risultato, l’abbandono del Galles del barone per fuggire in Italia. In seguito, l’uccisione di Simone V nello scontro bellico di Evesham e la fine della rivolta nel 1267. In verità, le Disposizioni di Oxford sono scritti ufficiali, per la risoluzione dei contrasti tra baronati e Corona inglese.

Nel 1258, la stipula degli atti nella monarchia di Enrico III d’Inghilterra, nelle lotte tra il medesimo sovrano ed i baroni con a capo il conte di Leicester. Nella contea di Sussex dell’Inghilterra meridionale, la Battaglia di Lewes, che avviene a causa di motivi politici, per l’intemperanza e ribellione del monarca inglese, alle regole di Oxford.

Da un lato, l’Esercito del sovrano d’Inghilterra e l’appoggio militare del figlio Edoardo con la cavalleria più a nord, verso il castello di Lewes. A fronte di ciò, dall’altra parte, l’intenzione delle truppe dei baroni di Monfort, di attaccare di sorpresa le milizie realiste, durante la notte.

Ma le forze armate di Edoardo e del padre raggiungono l’esterno del castello, fino a giungere davanti ai nemici, con il vantaggio di un successo iniziale. In seguito a numerose azioni militari, la vittoria per i baroni e la cattura dei membri della Casa Reale.