Gas serra: l’indagine per quantificarne le emissioni

0
340
emissioni gas serra
emissioni gas serra: lo studio per le loro interazioni

Clima inquinamento e cambiamenti climatici sono ormai temi all’ordine del giorno. Ma la novità nella geofisica sta nel nuovo studio per comprendere i meccanismi di emissioni dei gas serra nell’atmosfera per valutare quanto esse contribuiscano al bilancio globale

Cosa tratta lo studio di emissioni di gas serra?

Lo studio prende il nome di ‘The seismotectonic significance of geofluids in Italy’. Pubblicato sulla rivista Frontiers in Earth Sciences dimostra le interazioni tra i diversi fluidi naturali, emissioni di CO2, di metano e di altri gas. “Analizzando gas serra come il metano e l’anidride carbonica, indaghiamo quali sono i contesti geologici e tettonici che ne consentono la fuoriuscita dal suolo e la liberazione in atmosfera“. Spiega la ricercatrice Paola Vannoli. Condotta su scala nazionale l’indagine potrà contribuire alla quantificazione di emissioni di gas sera.

La relazione tra emissioni e terremoti

I risultati della ricerca indicano che le sorgenti termali e le emissioni di anidride carbonica sono prevalenti nelle aree vulcaniche. In particolare in prossimità della costa tirrenica della Toscana, del Lazio e della Campania, dove la crosta subisce uno stiramento e un assottigliamento. “In Italia coesistono numerosi processi geodinamici assai diversi tra loro. Siamo una delle aree con il più alto rilascio al mondo di anidride carbonica e metano“. Siega Paola Vannoli. La ricerca continuerà per comprendere sempre meglio le interazioni tra le manifestazioni di geofluidi e la presenza di discontinuità geologiche capaci di controllare le modalità del fenomeno sismico.

Il declino della corrente del Golfo