Ematite: tutto ciò che c’è da sapere, dalle proprietà curative a come usarla

0
194

Quando si tratta di sentirsi radicati e protetti, un’ottima scelta è: Ematite. Ecco cosa sapere su questa potente pietra, dalle sue proprietà spirituali a come lavorarla.

Ematite: un minerale a base di ferro

E’ chimicamente lo stesso della ruggine comune, secondo l’esperta di cristalli Yulia Van Doren di goldirocks. In origine è di colore rosso ruggine, ottiene la sua caratteristica lucentezza grigio metallizzato quando viene lucidato e si trova in Brasile, Canada, Inghilterra, Stati Uniti, Venezuela e altro ancora. “Il nome dell’ematite significa letteralmente ‘pietra del sangue’, poiché deriva dalla parola greca per sangue, “ haima “, afferma Van Doren. Aggiungendo che è stata a lungo venerata da molte culture per la sua protezione. “I guerrieri romani e nativi americani si dipingevano di rosso sangue con polvere di ematite per proteggersi in battaglia”, dice.

Ematite: la pietra dei guerrieri

Come osserva l’esperta di cristalli Heather Askinosie, questa pietra a volte può essere vista con striature rosse che attraversano la sua superficie ed è nota per collegare il corpo alla Terra. “Si credeva che l’ematite rendesse i guerrieri invulnerabili e desse loro coraggio e forza”, osserva, aggiungendo che durante il Paleolitico, i primi umani creavano pitture rupestri con il pigmento rosso dell’ematite macinata.

Dona: consapevolezza

Oltre a sostenere i sentimenti di radicamento, l’ematite incoraggia anche la consapevolezza. In realtà è spesso magnetico, il che secondo Askinosie aumenta ulteriormente la sua connessione con la Terra. Questo senso di essere radicati nella quiete ti aiuterà a riportarti al momento presente, osserva, aggiungendo: “Lavorare con l’ematite ti insegna ad avere il controllo dei tuoi stati mentali ed emotivi, anche in situazioni inquietanti”.

E’ una pietra di protezione

Come accennato in precedenza, Van Doren e Askinosie notano entrambi che l’ematite ha proprietà protettive ed è stata utilizzata come tale per secoli. Il semplice fatto di averne un po’ nelle vicinanze può aiutare ad assorbire l’energia negativa, lasciandoti più sicuro. “Per quelle volte in cui ti senti come se non riuscissi a trovare le tue fondamenta, l’ematite sarà lì per supportarti”, dice Askinosie, aggiungendo: “La sua energia di base è lì per aiutarti a sentirti al sicuro, centrato e protetto, non importa dove sei o ciò che stai affrontando.”

Come usare l’ematite:

  1. Medita con l’epatite: Askinosie dice a mbg che l’ematite è un ottimo cristallo con cui meditare, in particolare se stai cercando di fare una meditazione di radicamento. Eccone uno che consiglia: Stai con i piedi leggermente divaricati e ben piantati a terra. Tieni un pezzo di ematite in ciascuna mano, chiudi gli occhi e fai tre respiri profondi. Mentre respiri, visualizza te stesso come un albero alto e forte. Guarda le radici dell’albero, con un diametro di pochi centimetri, che crescono dalla pianta di ogni piede e scendono a spirale nel nucleo della Terra per creare una solida base. Dì ad alta voce “Sono a terra” tre volte. Apri gli occhi. Ora sei a terra.
  2. Tienila con te durante il giorno: Uno dei modi più semplici per lavorare con qualsiasi cristallo è semplicemente tenerlo con te per tutto il giorno. Van Doren spiega che è fantastico averla con te quando devi rimanere equilibrato e equilibrato: “Tieni in tasca una piccola ematite lucidata per ricaricarti e riequilibrarti durante le tue attività quotidiane, oppure riponila nella sedia per un appoggio continuo a terra durante il tuo giorno lavorativo”, dice, aggiungendo che indossarlo come gioiello è anche un modo semplice (e bello) per mantenere la sua energia intorno a te.
  3. Fare il bagno con essa: Se sei un fan dei bagni spirituali – o di qualsiasi tipo di bagno, se è per questo – Van Doren dice che aggiungere un po’ di ematite al tuo prossimo bagno vicino ai piedi ti aiuterà a ricentrarti e rilassarti alla fine di una lunga giornata. (Ecco la nostra guida completa ai bagni spirituali per un po’ di ispirazione per iniziare!).
  4. Pratica il lavoro con le ombre: Van Doren dice anche che l’ematite può essere ottima per fare il lavoro con le ombre, o qualsiasi lavoro che comporti l’analisi di questioni “sepolte nel profondo della tua psiche emotiva, della tua storia e del tuo lignaggio ancestrale”. Aggiunge che l’ematite “non scherza”, quindi se lavorare con esso sembra un po’ intenso all’inizio, puoi provare anche la tormalina nera o il quarzo fumé per una versione “più delicata”.

Crea un barattolo di incantesimi per proteggerti

Questo è un’altro metodo, molto importante, se vuoi una protezione extra nella tua vita, perché non fare un incantesimo tangibile per la protezione sotto forma di un vasetto di incantesimi? Ecco quali ingredienti servono:

  • Un vasetto di vetro con chiusura ermetica
  • Agrifoglio
  • Prezzemolo
  • Un cristallo di ematite nera
  • cristallo di ossidiana
  • Un cristallo di quarzo fumé (Nota: va bene se non li hai tutti e tre, e qualsiasi cristallo per protezione andrà bene)
  • Aghi di pino o pigne
  • Aglio
  • Sale
  • Un pezzo di carta e una penna

Istruzioni:

  1. Aggiungi i tuoi oggetti al barattolo uno alla volta, pensando a cosa rappresenta ogni oggetto e come si collega alla tua intenzione.
  2. Annota la tua intenzione e mettila nel barattolo (ad esempio, “Sono protetto” o “Sono sempre al sicuro”).
  3. Accendi una candela e dichiara ad alta voce la tua intenzione, visualizzando come sarà quando si avvererà.
  4. Sigilla il barattolo con la cera di candela.
  5. Chiudi il rituale, posizionando il barattolo in un punto in cui lo vedrai spesso per ricordarti le tue intenzioni.

In combinazione con altri cristalli

Quando pensi di accoppiare l’ematite con altri cristalli, ti consigliamo di lavorare con quelli che sono anche associati a radicamento, consapevolezza e protezione.

Per la consapevolezza e la concentrazione, ad esempio

Askinosie afferma che il quarzo trasparente e l’azzurrite si accoppiano bene con l’ematite per aiutarti a uscire dalla tua testa e nel tuo corpo. Van Doren aggiunge che le piace accoppiare l’ematite con la lepidolite, sottolineando che la lepidolite è “un cristallo molto calmante e lenitivo e può aiutare a compensare la potenziale eccessiva intensità dell’ematite”. Anche il quarzo rosa, dice, è un cristallo nutriente che consiglia di accoppiare con l’ematite.

Ematite: pulisci e ricarica il tuo cristallo

Quando si tratta di pulire e caricare l’ematite, è importante considerare se il cristallo è grezzo o levigato. Le varietà levigate, spiega Van Doren, possono essere tranquillamente esposte all’acqua. L’ematite grezza, d’altra parte, si arrugginisce se esposta all’umidità, quindi ti consigliamo di evitare l’acqua (e anche di lasciarla fuori durante la notte) con quei pezzi. E come aggiunge Askinosie, poiché l’ematite è un cristallo più pesante, è ottimo per assorbire molta energia, ma ciò significa che deve essere pulito più spesso di quanto potrebbero fare altri cristalli. Personalmente, aggiunge, le piace pulire l’ematite alla luce del sole. A parte questi punti, qualsiasi dei tuoi metodi preferiti di ricarica e pulizia funzionerebbe qui, come il fumo, il suono o persino il respiro.

L’ematite è associata a mesi di nascita o segni zodiacali?

L’ematite non è ufficialmente associata a nessun mese di nascita o segno zodiacale in particolare e, secondo Van Doren, è in definitiva un ottimo cristallo per chiunque. Askinosie fa notare, tuttavia, che i segni di terra (Toro, Vergine e Capricorno) e i segni d’aria (Gemelli, Bilancia e Acquario) possono trarre particolare beneficio dall’uso. “Per i segni di terra, lavorare con esso migliora la loro natura radicata e per i segni d’aria, consente loro di tenere i piedi per terra per bilanciare la loro natura ‘tra le nuvole'”, spiega.

Quale chakra è associato all’ematite?

L’ematite è strettamente associata al chakra della radice , poiché entrambi si occupano di messa a terra, sicurezza e sicurezza, secondo Askinosie e Van Doren. È anche un’ottima pietra da incorporare in qualsiasi lavoro sui chakra della radice.

L’ematite è un buon cristallo con cui dormire?

L’ematite non è tradizionalmente usata per dormire come alcuni altri cristalli, anche se Van Doren osserva che per le sue proprietà protettive può essere utile se stai lottando con gli incubi. È una pietra intensa, tuttavia, quindi tienila vicino ai piedi piuttosto che vicino alla testa, e se senti che sta disturbando il tuo sonno, continua a lavorarci durante il giorno.

Come dovrebbe essere indossata l’ematite come gioielli?

L’ematite è ottima da indossare come gioielli e, per amplificare davvero i suoi effetti di messa a terra, Askinosie consiglia di indossarla come cavigliera, quindi è più bassa del corpo e più vicina alla Terra, il che ti aiuterà a rimanere radicato ed equilibrato.

Ematite: conclusioni

L’ematite è un cristallo potente e intenso per tutte le cose radicanti e protettive. Con la sua splendida lucentezza, il prezzo conveniente e la serie di vantaggi, questa è una pietra che vorrai sicuramente avere lungo il tuo viaggio spirituale.