Elezioni regionali 2020: tutto quello che c’è da sapere

Elezioni regionali 2020: ecco chi sono i canidati dei vari partiti per ogni regione e la loro posizione nei sondaggi

0
258
Elezioni regionali 2020

Le elezioni regionali 2020 si svolgeranno il 20 e il 21 settembre, dopo essere state rimandate a causa del coronavirus. Saranno interessate sette regioni: Veneto, Campania, Toscana, Liguria, Marche, Puglia e Valle d’Aosta.

A inizio anno abbiamo votato per la Calabria ed Emilia Romagna, dove hanno vinto rispettivamente centrodestra e centrosinistra. L’esito di queste elezioni potrebbe alterare gli equilibri di maggioranza ed opposizione.

Il segretario del PD Nicola Zingaretti, ha una visione pessimistica di queste elezioni. Si aspetta che il centrosinistra vincerà solo in Toscana e in un’altra regione.

Elezioni regionali 2020: la Puglia

In totale, ci sono otto candidati in Puglia. PD e Movimento 5 stelle non hanno trovato un accordo e non ci sarà nessuna coalizione. La proposta del centrosinistra è Michele Emiliano, che si candiderà per il secondo mandato. Dall’altra parte, la proposta del M5S è Antonella Laricchia. Il presidente uscente, ha rasunato esponenti politici molto diversi tra loro, per cercare di assicurarsi la vittoria.

Per quanto riguarda la proposta del centrodestra, si candiderà Raffaele Fitto, presidente pugliese dal 2000 al 2005. Sarà un vero e proprio testa a testa tra Fitto ed Emiliano. Infatti, secondo i sondaggi ipsos infatti, Fitto sarebbe in leggero vantaggio sopra Emiliano: 41% contro il 39,4%.

La situazione in Campania

Il governatore uscente in Campania è Vincenzo De Luca, dopo un grande boom di popolarità durante l’emergenza coronavirus ha deciso di ricandidarsi senza un accordo con i 5 Stelle. Alcuni lo danno vincitore addirittura con il 58,7% dei voti.

A sostegno di De Luca ci sono Italia Viva, +Europa e il Partito Socialista Italiano. Il centrodestra schiera Stefano Caldoro, ex governatore della Campagnia, che 5 anni fa perse proprio contro De Luca. I sondaggi attribuiscono al centrodestra il 28,9% dei voti.

Per quanto riguarda i grillini, la candidata per questa regione sarà Valeria Ciarambino.

Elezioni regionali 2020: Liguria

In Liguria, grazie alla mediazione di Giuseppe Grillo, il PD e i 5S si presentano insieme, candidando il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Ferruccio Sansa.

Tra gli altri candidati troviamo Aristide Massardo, sostenuto da Italia Viva, +Europa e Partito Socialista Italiano. La vera sfida sarà però con il governatore uscente del centrodestra, Giovanni Toti. Secondo l’ultimo sondaggio Ipsos, Toti è in vantaggio su Sansa di più di 20 punti, con il 57,4% dei voti contro il 34,8%.

Toscana

La regione rossa per eccellenza è il principale obiettivo del centrosinistra, che schiera Eugenio Giani, sostenuto anche da Italia Viva e +Europa.

Il Movimento 5 Stelle candida Irene Galletti, da molti considerata l’anima di sinistra del partito. Il centrodestra invece, schiera Susanna Ceccardi. Secondo gli ultimi sondaggi, il vero testa a testa si svolge proprio in questa regione, dove Giani si presenta con solo 0,5 punti in più sopra a Ceccardi. rispettivamente, il 43% per il centrosinistra e il 42,8% per il centrodestra.

Fino a pochi giorni fa, la vittoria di Giani era data per scontata.

Elezioni regionali 2020: la battaglia nelle Marche

Secondo molti, la mancata coalizione tra PD e M5s, potrebbe consegnare la regione al centrodestra e sarebbe la prima volta dal 1995.

Il centrosinistra non ha ripresentato il governatore uscente Luca Ceriscioli, ma candida il sindaco di Senigallia, Maurizio Mangialardi.

Per quanto riguarda il centrodestra, sarà Francesco Acquaroli a rappresentare la coalizione, scelto da Fratelli d’Italia. Nell’ultimo sondaggio Ipsos si può vedere Acquaroli in testa nei sondaggi con il 49%, Maurizio Mangialardi si aggiudica un 35,8% e infine il candidato dei M5S con il 10,1%.

Commenti