Elezioni Provinciali Trentino 2018: Forza Italia aderisce alla coalizione di centrodestra. Dellagiacoma (FI Giovani): “Noi con Bezzi.”

0
370

Arriva dopo l’adesione di Civica Trentina alla coalizione di centrodestra autonomista anche quella di Forza Italia, per bocca della coordinatrice Michaela Biancofiore. In una nota la stessa  Biancofiore spiega le ragioni di questa scelta:

“Forza Italia si è contraddistinta, durante i lavori preparatori in vista delle elezioni provinciali, per la volontà di voler compartecipare ad un progetto politico che funga da sintesi tra le istanze politiche del centrodestra rappresentato dai Partiti nazionali ed i movimenti più specificatamente territoriali. Solo in questo modo si può puntare ad una coalizione dapprima in grado di raggiungere il 40% necessario per dare una stabilità ad un’azione governativa e, contemporaneamente, creata in modo tale da poter garantire ai trentini l’imprescindibile esperienza e doverosa capacità per il governo della propria terra.

Questa la ragione che ci ha portato ad attendere la convergenza delle civiche prima di dare il nostro assenso alla partecipazione ad un progetto così ambizioso ed ora, finalmente, completo. Per questo motivo, quindi, apprendiamo con soddisfazione dell’adesione di Civica Trentina e, ne siamo certi, grazie al lavoro di tutti, ad ottobre i trentini avranno la possibilità di mettere alla prova un nuovo modo di governare la nostra autonomia.” 

Prima del via libera nazionale e dell’adesione ufficiale del partito di Silvio Berlusconi alla coalizione si era consumata in Forza Italia una spaccatura di fatto. Da un lato il consigliere provinciale ed ex deputato Giacomo Bezzi, fin dall’inizio favorevole alla candidatura di Maurizio Fugatti a presidente della provincia autonoma di Trento, e Michaela Biancofiore, che come afferma lei stessa avrebbe cercato di mediare tra partiti nazionali e istanze territoriali. 

Francesco Dellagiacoma, presidente di Forza italia Giovani in Trentino e bezziano di ferro, ha le idee molto chiare sulla situazione e, per quanto accolga fiducioso la notizia, che “apre nuove prospettive di dialogo e dibattito nel partito”, con riferimento alle passate frizioni tra Bezzi e Biancofiore, rimane scettico sul risultato di una decisione che a suo avviso la Biancofiore avrebbe dovuto prendere obtorto collo.

“Non è scontato”, dichiara infatti Dellagiacoma, “che Forza Italia venga inclusa nel perimetro della coalizione”, si tratterebbe pertanto di un’adesione unilaterale. “Forza Italia potrebbe non essere accettata”, continua, “per ragioni politiche, sulla scia di dinamiche nazionali che vedono il centrodestra sempre più appiattito sulle posizioni della Lega con un Berlusconi sempre più distante.”

Berlusconi che, negli scorsi mesi, è intervenuto personalmente sui quotidiani locali lanciando Elena Testor come candidata presidente quando ancora non era ufficiale l’incoronazione di Maurizio Fugatti. Il Presidente del partito riteneva infatti che la presidenza del Trentino spettasse a Forza Italia, dal momento che alla Lega era già toccata quella del Friuli Venezia-Giulia, nella persona di Massimiliano Fedriga. Nonostante le rare dichiarazioni del presidente Berlusconi, Dellagiacoma conferma che la dirigenza nazionale è molto attenta alla situazione trentina che potrebbe essere per il partito di Silvio Berlusconi “una nuova Valle d’Aosta, se non peggio”, aggiunge non senza una punta d’ironia.

Per quanto riguarda invece la sezione di Forza Italia Giovani da lui presieduta annuncia che la stessa seguirà Bezzi, sia che si concretizzi la candidatura del consigliere in Forza Italia, sia che decida a livello personale di candidare altrove. Che lega il gruppo giovanile nato 4 anni fa a Giacomo Bezzi è un profondo rapporto di amicizia e una grande passione politica, unita a una grande sintonia ideale. I giovani berlusconiani trentini ammettono di trovarsi in diffcoltà in questa fase, divisi tra la fedeltà indubbia al Partito e a Berlusconi sul piano nazionale e le frizioni e i dissapori per il trattamento che avrebbero ricevuto dai vertici locali, in primis Maurizio Perego e Michaela Biancofiore. Infine, conferma Dellagiacoma, nessun membro di Forza Italia Giovani sarebbe stato contattato per un eventuale coinvolgimento nella lista del partito in vista delle provinciali o per una partecipazione alle attività della campagna elettorale.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here