Elezioni Midterm USA: l’aborto è al centro del dibattito

0
599
Elezioni Midterm USA

Negli USA iniziano le preparazioni per le elezioni di Midterm. I repubblicani sperano di riconquistare sia la Camera che il Senato. Repubblicani e democratici si preparano a mettere al centro del dibattito il tema dell’aborto, mentre la Corte Suprema si prepara ad esaminare un caso che potrebbe ridimensionare Roe v. Wade, la sentenza che sancì il diritto di aborto negli Stati Uniti.

Elezioni Midterm USA: l’aborto al centro del dibattito?

Repubblicani e democratici si preparano a mettere al centro del dibattito delle elezioni di Midterm l’aborto, mentre la Corte Suprema si prepara ad esaminare un caso che potrebbe ridimensionare Roe v. Wade, la sentenza che sancì il diritto di aborto negli USA. La questione dell’aborto sta già influenzando le gare in tutto il paese. Ad esempio in Virginia, democratici e gruppo pro-choice stanno attaccando il candidato governatore repubblicano Glenn Youngkin per le sue posizioni anti-aborto in vista delle elezioni generali di novembre.

In Texas, dove il governatore repubblicano Greg Abbott corre per la rielezione, i legislatori hanno approvato una legge che vieta tutti gli aborti nello Stato una volta che viene rilevato il battito cardiaco fetale. Mercoledì il governatore ha firmato la legge. Non si è fatta attendere la risposta dei democratici. EMILY’s List, un gruppo di donne democratiche elette a favore della scelta di aborto ha affermato: “Greg Abbott vuole vietare gli aborti a sei settimane, prima che la maggior parte delle persone sappia di essere incinta. Noi possiamo sostituire lui”.

Il dibattito sull’aborto stimola gli elettori

Jenny Lawson, vicepresidente delle campagne di organizzazione e coinvolgimento del Planned Parenthood Action Fund, ha detto: “I diritti sessuali e riproduttivi sono una forza trainante che motiva e stimola gli elettori”. I gruppi anti-aborto dicono che la questione andrà a beneficio dei loro candidati favoriti. Mallory Quigley, vicepresidente delle comunicazioni presso la Susan B. Antony List, ha affermato: “Questa è una vittoria per i candidati pro-vita. Darà ai candidati pro-vita un’opportunità molto tempestiva e concreta per parlare delle differenze politiche estreme che esistono tra le due parti”.

I gruppi per i diritti dell’aborto affermano invece che la recente copertura della questione fornisce ai candidati democratici un’eccellente opportunità per giocare un’offesa alle urne. “Se i democratici sono intelligenti, coglieranno questa opportunità per rendere davvero chiaro agli elettori che il GOP, come partito, sta per mettere al bando l’aborto e ribaltare Roe v. Wade”, ha detto Amanda Thayer, vice direttrice senior di National e comunicazioni politiche a NARAL Pro-Choice America.

La maggior parte degli americani sostiene Roe v. Wade

A livello nazionale, i sondaggi mostrano che la maggioranza degli americani non vuole che Roe v. Wade venga abolita, ma afferma di ritenere che dovrebbero esserci alcune restrizioni alla procedura. Un sondaggio del Pew Research Center pubblicato all’inizio di questo mese ha mostrato che il 59% degli adulti americani afferma che l’aborto dovrebbe essere legale in tutti o nella maggior parte dei casi, mentre il 39% ha affermato che dovrebbe essere illegale in tutti o nella maggior parte dei casi. I sondaggi mostrano che anche l’aborto è una questione partigiana. L’80% dei democratici ha dichiarato di essere favorevole a sostenere Roe v. Wade in tutti o nella maggior parte dei casi, mentre solo il 35% repubblicani hanno detto lo stesso. Entrambe le parti della questione affermano che galvanizzerà le loro rispettive basi, ma aggiungono che c’è spazio per fare appello anche agli elettori oscillanti.


Corte Suprema americana discute del diritto all’aborto