Elezioni locali GB: i conservatori perdono le roccaforti di Londra

0
216
Elezioni locali GB

Gli elettori puniscono il governo Johnson dopo una serie di scandali. Alle elezioni locali in Gran Bretagna (GB), il partito conservatore del primo ministro Boris Johnson ha perso le roccaforti di Londra. Festeggiano i laburisti.

Elezioni locali GB: cos’è successo?

Il partito conservatore del primo ministro britannico Boris Johnson ha perso il controllo delle roccaforti tradizionali a Londra e ha subito perdite altrove alle elezioni locali. I conservatori hanno perso il controllo di Wandsworth, una roccaforte londinese di lunga data, per la prima volta in 44 anni. Ma non è tutto. Per la prima volta, il partito laburista ha vinto il consiglio di Westminster, un distretto in cui si trovano la maggior parte delle istituzioni governative. I conservatori hanno anche perso il controllo del borgo di Barnet, che è stato sempre sotto il controllo del partito in tutte le elezioni tranne due dal 1964. Il leader del partito laburista britannico Keir Starmer ha affermato che i risultati delle elezioni locali sono stati un punto di svolta per il partito. “Risultato fantastico, assolutamente fantastico. Credetemi, questo è un grande punto di svolta per noi dal profondo delle elezioni generali del 2019”, ha detto Starmer. Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha detto che la vittoria dei laburisti è stata un “risultato fantastico” per la gente di Wandsworth.

La perdita di Wandsworth, Barnet e Westminster mette in luce che il premier Johnson, che ha vinto due mandati come sindaco di Londra, ha perso il suo fascino nella capitale. Il suo forte sostegno alla Brexit e i numerosi scandali in cui è stato coinvolto gli è costato il sostegno di Londra. La perdita di consigli chiave a Londra aumenterà la pressione su Johnson, che da mesi combatte per la sua sopravvivenza politica e deve affrontare la possibilità di ulteriori multe da parte della polizia per la sua partecipazione a numerose feste durante il lockdown.


Leggi anche: Boris Johnson parla di Partygate e Ucraina