Elezioni in Burkina Faso: opposizione denuncia brogli

0
144

Secondo l’opposizione le elezioni in Burkina Faso potrebbero essere caratterizzate da brogli. Zèphirin Diabrè, candidato alla presidenza ha annunciato ricorsi definendo la consultazione elettorale una “frode massiccia”

Elezioni in Burkina Faso: chi denuncia brogli?

Si stanno tenendo oggi, 22 novembre le elezioni in Burkina Faso. Il presidente uscente Roch Marc Christian Kaboré affronta altri 12 candidati, tra i quali una donna. Secondo gli analisti, l’attuale presidente potrebbe vincere già al primo turno. In caso di ballottaggio, tutti gli altri candidati hanno annunciato di sostenere Zèphirin Diabrè. Lo stesso candidato di opposizione, in un annuncio preelettorale ha affermato che non accetterà risultati elettorali viziati da irregolarità. Alcuni dei candidati alla carica di presidente sono ex membri dei governi di Blaise Compaoré, salito al potere nel 1987 con un colpo di stato e costretto alle dimissioni nel 2014.

La conferenza stampa di Diabrè

Zèphirin Diabrè, principale sfidante dell’attuale presidente, ha convocato ieri una conferenza stampa. Nel corso dell’incontro con i giornalisti, il candidato di opposizione ha denunciato brogli da parte di Kaboré. Uomini del partito al potere, nei giorni scorsi avrebbero consegnato schede elettorali ad alcune donne presenti in un mercato. Lo scopo, secondo Diabrè sarebbe quello di raccogliere voti in cambio di denaro. Il candidato, a parte un breve video sul cellulare, non ha fornito altre prove di brogli. Ha comunque dichiarato che presenterà una denuncia al pubblico ministero e alla commissione elettorale.

Le reazioni alla denuncia di brogli

Il rappresentante del partito MPP, che sostiene Kaboré, ha definito false le accuse di brogli. I membri della commissione elettorale non hanno rilasciato commenti. Un funzionario dell‘Ecowass, incaricato di vigilare le elezioni in Burkina Faso, ha dichiarato di non sospettare frodi nel voto. Anche l’ex premier della Guinea, Kabine Komara, ha affermato di non temere frodi nel corso della tornata elettorale in corso in Burkina Faso.

Elezioni in Burkina Faso: chi sono i favoriti?

Secondo le proiezioni i favoriti alle elezioni in Burkina Faso sarebbero tre. Oltre al presidente uscente Kaboré, anche le candidature di Diabre e Eddie Komboigo avrebbero buone possibilità di successo. Nel caso nessuno dei candidati raggiungerà il 50% dei voti, si andrà al ballottaggio. In questo caso, tutti i candidati di opposizione potrebbero schierarsi con Diabre, ostacolando la vittoria di Kaboré.

Le incognite del voto

In seguito al golpe del 1987, Blaise Compaoré mantenne il potere per quasi 30 anni. Si dimise nel 2014 in seguito alle grandi proteste in tutto il paese. Nel 2015, nel corso delle prime elezioni dopo 28 anni, i cittadini burkinabé elessero Roch Marc Kaboré . Negli ultimi 5 anni il paese ha iniziato a fare i conti con il terrorismo jihadista. Numerosi sono stati gli attentati, messi in atto da miliziani in gran parte provenienti dal vicino Mali. Alcune zone rurali del Burkina sono attualmente sotto il controllo delle milizie jihadiste. Circa 400 mila persone, pari al 7% della popolazione non potranno recarsi al voto. Questo a causa di un’insurrezione islamista che costretto migliaia di persone alla fuga. Inoltre, la commissione elettorale ha comunicato che non allestirà seggi nelle zone nord del paese per il rischio di attentati.

Attendiamo dunque l’esito delle elezioni in Burkina Faso. Paese prevalentemente agricolo e tra i più poveri del mondo, negli ultimi anni ha dovuto fare i conti con il terrorismo. Fattore che ha destabilizzato uno stato povero peggiorato la situazione socio economica.

Inferno Burkina Faso: in un attacco jihadista almeno 37 morti

Commenti