Elezioni in Argentina: vittoria di Alberto Fernández

0
428
Alberto Fernandez vince le elezioni in Argentina

Le elezioni presidenziali in Argentina, hanno dato la vittoria ad Alberto Férnandez, esponente del Kirchnerismo.

Esito elezioni presidenziali in Argentina

Alberto Fernández, candidato del Frente de la Victoria, la coalizione del Kirchnerismo, ha vinto le elezioni presidenziali in Argentina, con un 48% dei voti, quindi senza la necessità di andare a ballottagio.

Il presidente uscente, Mauricio Macri, ha subito invitato presso la Casa Rosada, il nuovo presidente col fine d’iniziare la transizione, che deve essere portata a termine entro il 10 dicembre di quest’anno.

Alberto Fernández e Mauricio Macri
Alberto Fernández e Mauricio Macri

I protagonisti

Alberto Fernández è il nuovo presidente dell’Argentina. Nato nel 1959 a Buenos Aires, è stato Capo del Gabinetto del Governo di Nestor Kirchner (2003-2007) e di Cristina Kirchner. Laureato in giurisprudenza, di professione è avvocato civilista e penalista.

La vicepresidenza invece va all’ex Presidente, Cristina Fernández de Kirchner.

Cristina Fernández de Kirchner è nata nel 1953 a La Plata, capitale della provincia di Buenos Aires. Nel 1979 si laurea in Giurisprudenza. Durante gli anni della dittatura fissa la sua residenza a Ríos Gallegos, in Patagonia, insieme a suo marito, il futuro Presidente dell’Argentina Nestor Kirchner. Qui entrambi lavorarono in seno allo studio giuridico Kirchner.  In quegli anni, molti dei compagni del Partito dove lei aveva militato, il Partito Peronista, spariscono o sono incarcerati.

Nel 1989 diventa deputata. Dal 1995 è senatrice fino al 2007, anno in cui diventa Presidente della Repubblica Argentina fino al 2015.

Cristina Kirchner attualmente ha diversi capi d’imputazione per corruzione  a cui deve rispondere. Tra questi, il caso Nisman, il magistrato assassinato nel 2015 dopo aver accusato la Kirchner di aver firmato un memorandum d’intesa con l’Iran in cambio dell’impunità verso gli iraniani coinvolti nell’attentato perpetuato a Buenos Aires nel 1994 presso la sede dell’AMIA, organismo di mutuo soccorso ebraico. In quest’attentato hanno perso la vita 85 persone e 200 sono rimaste ferite.

Commenti