Elezioni Australia: vince il partito laburista

0
203
AElezioni Australia: vince il partito laburista

Alle elezioni in Australia vince il partito laburista. Il laburista Anthony Albanese sarà il nuovo primo ministro australiano, dopo circa un decennio di governi conservatori.

Elezioni in Australia: vince il partito laburista?

Alle elezioni in Australia vince il partito laburista. Secondo i risultati parziali, finora i laburisti si sono assicurati 72 seggi, quattro seggi in meno rispetto alla maggioranza nella Camera bassa del parlamento di 151 seggi. La coalizione di centro-destra si è invece finora assicurata 51 seggi. Non è quindi ancora chiaro se il partito laburista potrà formare un governo di minoranza o di maggioranza. I risultati finali potrebbero richiedere del tempo a causa del conteggio di un numero record di voti per corrispondenza.  Il primo ministro uscente Scott Morrison ha tuttavia già ammesso la sconfitta. Il laburista Anthony Albanese sarà quindi il prossimo primo ministro australiano, dopo circa un decennio di governi conservatori. Di origini italiane, Albanese sarà il primo leader australiano a non avere origini interamente anglosassoni. “Il popolo australiano ha votato per il cambiamento. Sono onorato di questa vittoria”, ha detto Albanese ai suoi sostenitori a Sydney. “Penso che le persone ne abbiano abbastanza della divisione, quello che vogliono è unirsi come nazione e ho intenzione di guidarla“, aggiunto.

Le promesse di Albanese

Albanese ha promesso grandi cambiamenti dopo quasi 10 anni di governo conservatore, dall’intensificazione dell’azione per il clima al rafforzamento dei diritti degli indigeni e alla repressione della corruzione politica. Albanese ha posizioni centriste. È un sostenitore della sanità pubblica e dei diritti delle comunità LGBT+, e ha posizioni più concilianti rispetto ai Liberali nei confronti della gestione dell’immigrazione. Ha promesso maggiore assistenza finanziaria e una solida rete di sicurezza sociale. Ha poi promesso di ridurre le emissioni di carbonio del 43% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2005, aumentare le energie rinnovabili, offrire sconti per le auto elettriche e aiutare a costruire progetti di energia solare e batterie di proprietà della comunità. Per quanto riguarda la politica estera, i laburisti continueranno l’inclinazione pro-USA del paese. Albanese ha affermato che il “primo pilastro” della politica estera australiana è la sua alleanza con gli Stati Uniti. Sostiene l’alleanza AUKUS e ha proposto di istituire una scuola di difesa del Pacifico per addestrare gli eserciti vicini in risposta alla potenziale presenza militare cinese alle Isole Salomone alle porte dell’Australia.


Leggi anche: Australia: oggi le elezioni parlamentari