Elezioni a Sindaco di Roma: quando la follia dilaga

0
369
Elezioni a Sindaco di Roma

Il candidato Trombetta manda a folle la testa e per le elezioni a Sindaco di Roma propone una moneta locale rivoluzionaria: i Sesterzi. Non c’è che dire, come operazione nostalgia non vedo di meglio.

Elezioni a Sindaco di Roma: ma è uno show?

Il canditato Trombetta ( non quello della stupenda macchietta insieme a Totò) è il leader di Riconquistare l’Italia. Certo il suo movimento, partito, qualsiasi cosa sia ha un nome poco rassicurante, ma chi è Giulio Cesare? Quindi come lo saluteremo Ave Cesare Trombetta? Il tipo in questione è appoggiato niente popò di meno che da Gianluigi Paragone, un altro ex fenomeno del giornalismo e della politica italiana, mi viene da dire: Paragò, ma chi lascia Cinque stelle fa sta fine? Ma torniamo a Trombetta che oltre a Paragone si presenta con l’appoggio di Vox Italia, tutte realtà politiche maestose. Il suo progetto principale è quello di creare una sorta di economia parallela nella capitale: ed ecco le banconote con la faccia di Alberto Sordi, la sora Lella, Trilussa e Anna Magnani. Allora mi viene da dire, citando un altro grande attore scomparso, Gigi Proietti: a Trombè, Ma lassa perde, ma chi t’ho fa fà? Qui te corcano! Basta!

Ma come dovrebbe da funzionà sta cosa?

Trombetta: “Ecco come funziona. Sesterzio moneta locale per Roma. C’è già un prototipo, con i volti noti della storia della Capitale, da Alberto Sordi alla Sora Lella, passando per Trilussa e Anna Magnani“. Ma Montesano e Gigi Proietti? Ma mi domando e dico, ma una bella cannabis terapeutica? Gilberto Trombetta. Quarantaquattro anni, giornalista, in teoria dovrebbe essere una persona assennata, un professionista con una formazione seria, utile alla collettività, mah! Contenti loro.


Sindaco di Roma


Elezioni a Sindaco di Roma: la follia non finisce, non è bastata anzi, abbastata la Raggi

Trombetta ha scelto il Sesterzio come sua investitura alla corsa a Sindaco. Saranno banconote, niente monete per ora. Un Sesterzio vale un Euro, dieci Sesterzi dieci Euro. Secondo il grande Trombetta, si potrebbero utilizzare così: per pagare fornitori, servizi pubblici nel caso dei residenti, ma anche dei turisti e per ottenere prestiti. Embè? non ve lo pijereste un ber mutuo a Sesterzi cor tasso variabbile a frustate pe’ 15 anni? E chi so farebbe scappà. Ma lui rincara: “Per noi di Riconquistare l’Italia i problemi nascono da una impostazione liberale e liberista dell’economia. Oggi mancano partiti socialisti o neosocialisti e ne abbiamo fondato uno che ha l’aspirazione di essere democratico, per i lavoratori e per il popolo. Tuttavia rifiutiamo la polarizzazione a destra o a sinistra e ci proponiamo di creare una moneta locale alternativa perché, con i vincoli di bilancio, altrimenti, non si potrà mai fare nulla a Roma”. Mi dispiace Trombetta non mi hai convinto, io alle elezioni come Sindaco di Roma voterò: Antonio La Trippa, vota Antonio vota Antonio.