Elezioni 2018: gli espulsi M5S eletti verranno lasciati a casa?

0
148

Sono tredici i “reietti” del M5s, quelli che hanno truccato bonifici, che sono iscritti alla massoneria o che sono banalmente “impresentabili” perché indagati: tutti hanno corso alle politiche. Di questa squadra in molti ce l’hanno fatta e li troveremo in Parlamento, ma dove? Qualcuno è già pronto a confluire nel gruppo Misto, come ad esempio, Catello Vitiello, il primo degli espulsi dal Movimento 5 stelle a essere confermato in Parlamento. Lui, massone non dichiarato, ha ottenuto oltre il 46% dei voti nel collegio uninominale di Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli, ha già dichiarato di volersi iscrivere al gruppo misto. Niente di fatto, a quanto pare, per gli altri ex massoni che si erano candidati con il Movimento: Piero Landi e Bruno Azzerboni.  Ma capiamo quanti tra i candidati coinvolti nello scandalo Rimborsopoli siederanno tra Montecitorio e Palazzo Madama.

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here