Einstein e Besso: il taccuino delle leggi universali

Domani a Parigi è in programma l'asta del quaderno con le teorie della Relatività e del movimento del perielio di Mercurio

0
139
Einstein e Besso
Albert Einstein (immagine di Wikilmages, Pixabay)

Un manoscritto che contiene le intuizioni di due scienziati sul funzionamento dell’Universo e testimonia la loro amicizia. Einstein e Besso hanno lavorato insieme alla formulazione della teoria generale della Relatività. Le pagine dei loro calcoli andranno all’asta martedì 23 novembre da Christie’s a Parigi.


Manoscritto di Einstein: gli studi della relatività all’asta


Che rapporto intrattenevano Einstein e Besso?

L’Università ebraica di Gerusalemme ha reso note le lettere del fisico tedesco in occasione del 140° della nascita. Nella corrispondenza personale compare anche una missiva indirizza a Michele Besso in cui si parla d’inferno e del suo rapporto con Dio. La confidenza con cui Albert Einstein si rivolge all’ingegnere svizzero permette di capire il rapporto che li unisce. I due, infatti, sono interessati a definire le regole dell’Universo, e attraverso gli studi ragionano anche di religione. Lo scienziato esprime il proprio desiderio di avvicinarsi alla divinità e di non ricevere l’eterna condanna perché non battezzato. In altri testi riflette pure sulla vita, le ricerche scientifiche e la situazione della Germania nazista.

La vendita in collaborazione con Aguttes

La casa d’aste Chrostie’s ha inserito nel catalogo un blocco appunti di 54 pagine che risale al periodo 1913-1914. Gli studi di Einstein manoscritti precedenti al 1919 sono rari e il documento in vendita ha una quotazione tra 2,4 e 3,5 milioni $. Negli archivi del fisico si conserva anche il quaderno di Zurigo del 1912-1913. Il taccuino testimonia quindi lo sviluppo della teoria della Relatività.

Il manoscritto di Einstein e Besso

Il quaderno contiene calcoli, scritti ordinatamente, sulla Relatività e la verifica degli studi del movimento del perielio di Mercurio. Albert ha scritto 26 pagine, Michele 25 e 3 contengono le formule che gli studiosi hanno teorizzato insieme. Molti conteggi presentano delle correzioni, inoltre, sono presenti dei diagrammi. Il taccuino è redatto soprattutto a inchiostro con alcuni parte a matita con la calligrafia di Besso. Il pezzo è quindi acquistabile alla “Exceptional sale” di domani.