“Eid al-Adha”, la Festa del Sacrificio Islamica

0
285

La festa alla Mecca

Celebrazioni alla Mecca per l’Hajj, il grande pellegrinaggio annuale, durato quattro giorni, a cui partecipano circa due milioni di musulmani.

L’evento, che si tiene nella città santa saudita, è uno dei cinque pilastri dell’Islam e ogni credente adulto deve compierlo almeno una volta nella vita. Lo scopo è quello di purificare i fedeli dal peccato e avvicinarli ad Allah. 

I pellegrini hanno fatto il tradizionale giro della Kaaba a forma di cubo alla Mecca, nel giorno di Eid al-Adha, la Festa del Sacrificio, celebrato per commemorare la volontà del profeta Abramo di sacrificare il figlio per volontà divina. 

Uno dei cui momenti topici della celebrazione è la cacciata del diavolo a sassate: ogni fedele lancia sette sassi contro una delle tre steli che raffigurano il diavolo. 

La festa in Afghanistan

Il Presidente dell’Afghanistan, Ashraf Ghani, ha partecipato alle preghiere di Eid al-Adha al palazzo presidenziale di Kabul e ha chiesto una pace dignitosa.

I negoziati tra Stati Uniti e Talebani, iniziati alla fine dello scorso anno in Qatar, non hanno portato a una riduzione della violenza, sia con i Talebani che con le forze governative afghane, assistiti dalle truppe internazionali guidate dagli Stati Uniti.

La festa in Indonesia

I musulmani dell’Indonesia si sono radunati nella Moschea Al Azhar, che può ospitare oltre 5.000 persone, a Giacarta, la capitale

Non provenivano solo da Giacarta, ma anche dalle aree circostanti, come Bekasi, Tangerang e Depok.

L’uomo d’affari musulmano Nur Harjanto ha dichiarato di sperare che la festa possa aiutare a riunire la comunità dopo le tensioni causate dalle elezioni di quest’anno.

L’Indonesia è il paese con la più grande popolazione musulmana nel mondo. 

La festa in Russia

I musulmani della Russia celebrano la festa islamica nella Moschea-Cattedrale di Mosca.

In russo Eid al-Adha si chiama Kurban-Bairam. 

Per i fedeli che non sono potuti andare alla Mecca, la giornata di preghiera si conclude con il sacrificio di un montone.

La carne viene poi divisa in tre parti, una per la famiglia, una per i conoscenti e una da dare ai poveri.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here