Egitto: revocato lo stato d’emergenza in vigore dal 2017

0
186
Egitto di al-Sisi

Il presidente dell’Egitto Abdel Fattah Al Sisi ha ufficialmente annunciato di aver revocato lo stato d’emergenza imposto a causa del terrorismo islamico nel 2017. L’annuncio, arrivato tramite Facebook, era da tempo atteso perchè era stato più volte rimandato negli ultimi anni.

La misura era in vigore dal 2017, da quando lo Stato Islamico aveva colpito due chiese copte e ucciso circa 40 persone. In Egitto lo stato d’emergenza non era mai stato revocato ma solo rimandato di volta in volta negli ultimi quattro anni.

Egitto: quando è stato impostato lo stato d’emergenza?

In realtà il paese nordafricano vive da anni in uno stato di emergenza, in cui sono sempre più frequenti perquisizioni in casa e arresti di dissidenti. Nel paese negli ultimi anni si è sempre più ridotta la libertà di stampa e di parola a causa dello stato d’eccezione.

Più in particolare lo stato d’emergenza fu impostato a partire dalla guerra arabo israeliana del 1967 in cui l’Egitto era una delle componenti più importanti della coalizione araba. L’Egitto infatti disponeva di ingenti armamenti e di uomini e aiutò Iraq, Giordania e Siria nello scontro con Israele nei territori di confine.

Dall’allora, dopo la guerra dei Sei Giorni, fu revocato prima nel 1980 e poi reimpostato dopo l’assassinio del presidente Sadat. Fu poi prolungato ancora una volta, ogni tre anni, fino al 2012.

Le parole di Al Sisi

Sono lieto che condividiamo insieme quel momento che abbiamo sempre cercato con la lotta e il duro lavoro… grazie al suo grande popolo e ai suoi uomini. L’Egitto è un’oasi di sicurezza e stabilità nella regione e, quindi, ho deciso, per la prima volta da anni, di annullare l’estensione dello stato di emergenza in tutto il Paese“. Ha scritto Al Sisi sul suo profilo Facebook.


Hamas e Egitto concordano per consolidare il cessate il fuoco di Gaza