Microsoft ha sfruttato la conferenza in anticipo sull’Electronic Entertainment Expo (E3) di Los Angeles per svelare al mondo Xbox One X, la “console più potente” oggi disponibile capace di garantire, almeno sulla carta, un’autentica esperienza di intrattenimento in Ultra HD a 60 frame al secondo. Xbox One X è dunque il nome commerciale scelto per quello che era fin qui noto come Project Scorpio, una nuova evoluzione della piattaforma Xbox le cui caratteristiche tecniche confermano le indiscrezioni degli scorsi mesi con una CPU x86 AMD da otto corecomputazionali custom (2,3GHz), una GPU con 40 core Radeon a 1172MHz, 12GB di RAM GDDR5 su interfaccia a 384-bit (326GB/s di banda) e ovviamente un lettore Blu-ray Ultra HDintegrato.

Esteriormente Xbox One X somiglia molto a Xbox One S, ma i 6 Teraflops di potenza della GPU della nuova ammiraglia garantiscono a Microsoft – sempre sulla carta – un vantaggio prestazione significativo nei confronti della concorrenza, cioè di PS4 Pro. Diversamente dalla console Sony, l’offerta di Redmond dovrebbe però gestire le risoluzioni Ultra HD con maggiore facilità e garantire nel contempo un miglioramento visivo sensibile per chi ancora gioca su display Full HD/1080p.

Xbox One X arriverà nei negozi a partire dal 7 novembre prossimo al costo di 500 dollari USA, e per indorare la pillola di un prezzo non certo modico Microsoft ha annunciato un’altra importante novità sul fronte della retrocompatibilità: presto le console Xbox One saranno in grado di far girare anche i giochi per la prima, storica Xbox, opzione che va ad aggiungersi all’emulazione dei giochi Xbox 360 e che dovrebbe offrire una grafica migliorata rispetto all’originale.

Per quanto riguarda le esperienze ludiche prossime venture, invece, la conferenza Microsoft ha avuto parecchio da offrire, tra sequel eccellenti (Assassin’s Creed Origin, Middle-earth: Shadow of War), novità inattese (Anthem) e ritorni di titoli indie che si sono conquistati un posto al sole nella scorsa stagione (Life is Strange: Before the Storm, Ori And The Will Of The Wisps).

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here