È emergenza in Sicilia: codice rosso tra incendi e allerta meteo

0
151
È emergenza in Sicilia

È emergenza in Sicilia sia per il meteo che per gli incendi, è CODICE ROSSO: il punto sui rischi legati al METEO

È emergenza in Sicilia, e le condizioni meteo possono avere un ruolo decisivo nel rischio incendio. Nelle ultime ore la situazione è apparsa drammatica soprattutto nella zona di Catania, dove ieri si è resa necessaria anche la temporanea chiusura dell’aeroporto e al momento risultano dei focolai ancora attivi.

Rischio incendio a Catania e in Sicilia: gli aggiornamenti meteo

I meteorologi ci aggiorna sulla situazione meteo in Sicilia, dove fenomeni come vento e temperatura possono avere un ruolo decisivo sia nello sviluppo di nuovi roghi che nei lavori dei soccorritori.

Per quanto riguarda il vento le notizie sono positive: «la ventilazione risulterà prevalentemente debole, anche se osserveremo dei rinforzi soprattutto nelle ore centrali del giorno dovuto per lo più all’innesco delle brezze. È un dato sicuramente positivo, considerando come i venti deboli inibiscano la propagazione degli incendi su vasta scala».

Preoccupanti invece i dati che riguardano le temperature: la Sicilia resta rovente. «L’Anticiclone nord-africano non demorde – avverte il meteorologo – e resta ben piazzato sulle regioni meridionali e sulla Sicilia dove prosegue l’afflusso di una massa d’aria caldissima. Di conseguenza anche in questo weekend le temperature saranno estremamente elevate, anche di 10 gradi al di sopra della media stagionale. In particolare, nella zona di Catania si potranno registrare di nuovo punte intorno ai 42 gradi e nelle aree che si trovano nelle vicinanze di un incendio il calore sarà ancora più accentuato».

Rischio incendio, è codice rosso a Catania e in gran parte dell’isola

Il pericolo che si sviluppino incendi sarà molto elevato nella giornata di oggi: la Protezione Civile della Regione Sicilia ha diramato un’allerta di alto livello su gran parte delle province dell’isola, compresa quella di Catania.

Crediti: Protezione Civile Sicilia

Fonte: Protezione Civile Sicilia