Secondo quanto riportato dal quotidiano irlandese Belfast Telegraph la polizia ha aperto un’indagine dopo che sarebbero state consegnate ad una fabbrica di Coca Cola, nell’Irlanda del Nord, lattine contenenti feci umane.

Nella fabbrica di Lisburn, durante la settimana del 20 Marzo, è stato interrotto il turno di notte in quanto le macchine sarebbero rimaste intasate a causa di lattine, probabilmente arrivate dalla Germania, che contenevano tracce di rifiuti umani.

Stabilimento Coca Cola di Lisburn

“E’ stato davvero orribile, le macchine sono rimaste spente per circa 15 ore per essere pulite”, ha detto una fonte. “E’ insolito perché normalmente le lattine provengono da un’altra zona del Regno Unito, ma questa volta a quanto pare sono arrivate dalla Germania.”

“Gira voce che alcuni immigrati avrebbero fatto un lungo viaggio su un camion e che nella disperazione sono stati costretti ad utilizzare le lattine invece di una toilette.”

“E’ davvero scioccante – e oltre lo shock di trovare qualcosa di tanto disgustoso nelle lattine, il pensiero va anche a quei poveri immigrati. Se è vero che hanno fatto questo lungo viaggio, dove sono adesso?”

Attualmente non ci sono certezze in merito e le indagini sono in corso.

La stessa fonte afferma che le lattine arrivano aperte alla fabbrica e lì vengono poi riempite con la bibita e quindi messe in commercio.

Coca Cola assicura che nessuno di questi prodotti sia stato immesso sul mercato e che si tratti di un caso isolato: “Si tratta di un incidente isolato che non pregiudica eventuali prodotti attualmente in vendita”.

La Food Standards Agency ha dichiarato: “La FSA in Irlanda del Nord è a conoscenza di un incidente di contaminazione delle lattine di Coca-Cola a Lisburn. Non ci sono prove che suggeriscono che il prodotto interessato abbia raggiunto il mercato”.

D’altra parte la polizia locale e l’unità di salute ambientale di Lisburn stanno indagando sull’incidente e su un’eventuale consegna contaminata, come ha affermato un portavoce del Servizio di Polizia dell’Irlanda del Nord.

 

 

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here