Due terzi dei cittadini ungheresi vogliono l’euro: lo dice un sondaggio condotto da Pulzus Kutatoda

0
186

Circa due terzi dei cittadini magiari sostengono l’idea di introdurre l’euro in Ungheria per sostituire il fiorino il prima possibile. E’ quanto emerge da un sondaggio condotto da Pulzus Kutatoda, come riportato dal portale d’informazione “Napi.hu“. Stando al sondaggio, infatti, il 65 per cento degli intervistati è favorevole all’introduzione dell’euro mentre il 35 per cento è contrario.

L’introduzione dell’euro è stato in passato un argomento ampiamente discusso in Ungheria e anche se oggi non è il tema principale a causa dell’epidemia di coronavirus, è sorprendente che più della metà del paese sostenga l’idea di sostituire il fiorino. Il governo ungherese ha già sottolineato molte volte l’intenzione di adottare l’euro. Tuttavia, la data esatta e la strategia sono incerte.

Nel 2011, il governo di Orban aveva stimato di essere membro della zona euro entro il 2020, fatto non avvenuto. Nel 2015 la Banca nazionale ungherese ha annunciato misure per aderire alla zona euro ma non vi è alcun dibattito o negoziato in corso sulla procedura in Parlamento e presso la banca. Tra le risposte, il 71 di quelli a favore sono residenti ungheresi tra i 40-59 anni. Tra chi ha un’età compresa tra 18 e 39 anni il favore verso l’adozione dell’euro scende al 58 per cento. Da notare che la gran parte del sondaggio si è basato su abitanti di Budapest.

Commenti