Ducati allarga la famiglia Streetfighter: due new entry nel 2022

La casa di Borgo Panigale annuncia le versioni V2 e V4 SP

0
269
ducati streetfigher 2022

Ducati allarga la gamma dei modelli Streetfighter per il 2022. La casa di Borgo Panigale ha presentato in questi giorni due nuove versioni della sua naked estrema, le quali hanno una discendenza diretta con i modelli sportivi Superbike. La V2 e la V4 SP si aggiungono alla già edite V4 e V4S, aumentando le opzioni disponibili a quattro. Con la V2 la Streetfighter torna al motore bicilindrico per la prima volta dal 2015, anno in cui uscì di produzione la 848.

Ducati Streetfighter 2022: come sono fatti i nuovi modelli?

Per il prossimo anno, la gamma delle super naked di Borgo Panigale si arricchisce di due nuovi modelli. Con la V2 la Streetfighter ritorna alle origini, con il motore bicilindrico. La base meccanica è quella della Panigale V2, moto sportiva con cui il costruttore bolognese tornerà in pista nel mondiale Supersport. Il motore Superquadro a due cilindri “a L” ha una cilindrata di 955 cc, ed eroga 153 CV. La potenza è gestita dalla piattaforma inerziale, che permette di scegliere tra diversi riding mode, come “Wet” per il bagnato, “Road” per la strada e “Sport” per la guida in pista. Il telaio e le sospensioni derivano dalla Panigale. Oltre alla carena rimossa, le differenze con la sportiva sono nel manubrio alto e nella posizione delle pedane, che puntano al compromesso tra comfort e sportività. Il cupolino deriva dalla Streetfighter V4, con quell’aspetto aggressivo dato anche dai sottili fari LED.

La Streetfighter V4 SP deriva dalla omonima versione della Panigale V4, dedicata agli amatori che passano i fine settimana tra i cordoli. Esteticamente riprende la linea della V4 standard, con le alette stile MotoGP, ma la colorazione Winter Test è mutuata dalla sportiva (e richiama i colori nero carbonio delle moto da corsa nei test invernali). Il Motore Desmosedici Stradale ha una cubatura di 1103 cc, ed eroga 208 CV. Il pacchetto di telaio e ciclistica è lo stesso della Panigale, come vuole la filosofia Streetfighter. In aggiunta, il cliente può portarsi a casa alcune chicche, come ad esempio i cerchi in fibra di carbonio. A questo può abbinare la frizione a secco STM-EVO SBK, i freni Brembo Stylema R, le pedane in alluminio snodate ed i paratacchi in fibra di carbonio. I prezzi partono da 16.990 euro per la V2 e da 32.990 euro per la V4 SP.


Ducati Panigale V4: quegli accessori da campione