Draghi, il domatore dello spread

0
335
Mario Draghi sull'Italia senza figli

Elezioni al quirinale tra la tempesta dei mercati finanziari di Lunedì 24 Gennaio, gli analisti spergiurano una crisi sullo spread.

Più a lungo Draghi rimane in politica, migliore è la fiducia degli investitori per l’Italia, concorda Neil Mehta, portfolio manager di Bluebay Asset Management.

 A lungo termine, invece, sette anni di Draghi al Quirinale “porteranno la stabilità e la fiducia del mercato, tanto necessarie” per l’Italia. Un’altra opzione, continua Mehta, sarebbe di “tenere Mattarella al timone per un altro anno, il che potrebbe essere giustificato date le circostanze speciali in cui si trova questo governo”.

Per Wolfram Mrowetz, amministratore delegato di Alisei Sim, “tatticamente sarebbe meglio tenere Draghi come presidente del Consiglio, ma strategicamente sarebbe più opportuno un suo trasferimento al Quirinale”.

 Con un probabile affermazione del centrodestra alle elezioni del 2023 Draghi “sarebbe in grado di tranquillizzare le cancellerie europee e, con la sua personalità e competenza, di smorzare le intemperanze più clamorose di quella coalizione, con una parte della Lega che gravita ancora sull’area no euro di Borghi e Bagnai”.

Vincenzo Longo, Premium manager di Ig, sottolinea invece che “sarebbe opportuno avere Draghi ancora a capo dell’esecutivo, anche solo per poco più di un anno, per guidare il Paese nell’impiego delle risorse del Pnrr e per attuare le riforme necessarie. Benché la sua azione sia stata molto ridimensionata dai partiti politici, come presidente della Repubblica sarebbe ancora più ristretta”.

Analisti e gestori al momento non temono impatti rilevanti sullo spread in caso di trasferimento di Draghi al Quirinale o in caso di permanenza a Palazzo Chigi. Per Longo di Ig lo spread Btp-Bund con un passaggio di Draghi al Quirinale “potrebbe salire fino a 180 punti dagli attuali 140. Ma gli interventi delle banche centrali potrebbero calmare eventuali tensioni. Quindi stimo in 20-30 punti base l’aumento dello spread nel caso di una sua elezione alla presidenza della Repubblica”.