Alcuni consigli pratici e utili su dove alloggiare a Malta e cosa vedere

0
226

Di seguito ti lascio alcuni consigli pratici e utili su dove alloggiare a Malta e cosa vedere. Se scegli un appartamento o una soluzione per un lungo periodo ti consiglio inizialmente di prenotare un hotel, un ostello o una camera e di valutare le proposte in loco. Spesso potrai ottenere un prezzo più favorevole che non prenotando l’alloggio dall’Italia. Da turista invece le zone più gettonate sono La Valletta, Sliema, Paceville, San Julian e Bugibba.

La Valletta

La Valletta prende il nome dal Gran Maestro dell’Ordine di San Giovanni Jean Parisot de la Valette che ottenne l’incarico di ricostruire la città dopo la devastazione subita dall’impero ottomano. Nasce così uno dei punti strategici nel controllo del Mediterraneo.

All’ingresso troviamo una grande piazza con la fontana del Tritone e intorno la stazione degli autobus. Da qui puoi accedere a tutta l’isola.

Per entrare nel vivo della capitale dovrai attraversare il City Gate e raggiungere Freedom Square. A destra ti si aprirà agli occhi l’imponente progetto dell’architetto italiano Renzo Piano che utilizzando la pietra locale ha edificato il nuovo Parlamento accanto ai resti dell’Opera House.

Proseguendo diritti nel centro storico della città, dichiarato Patrimonio dell’Unesco nel 1980, si possono ammirare negozi di ogni tipo e l’entrata al National Museum of Archeology. Nato per ospitare l’Union Club, ritrovo sociale della città, oggi custodisce i reperti dei siti archeologici maltesi tra cui la Venere di Malta.

All’incrocio di via Saint John’s sulla destra troviamo la St. John’s Co-Cathedral chiamata con il suffisso “co” perché la sola vera cattedrale si trova a Mdina.

Dall’esterno nulla lascia presagire la maestosità dell’architettura e dei dipinti qui conservati, tra cui alcune tele del Caravaggio.

Di ritorno dalla via principale attraverserai Republic Square prima, con la National Library of Malta, e più avanti Palace Square con il Great Master’s Palace, antica sede del governo, che comprende l’Armory Museum, entrambi sulla destra.

A Republic Square i tavolini del Café Cordina e i venditori di strada ti allieteranno con musica e prelibatezze mentre a Palace Square potrai osservare i passanti divertirsi con i getti d’acqua che si muovono a ritmo della musica.

Continuando scenderai a Republic Street tra gli artigiani gioiellieri e pastizzerie fino ad arrivare, dopo la salita, a Fort St. Elmo. Il forte dominava anticamente la città e controllava i possibili attacchi dei nemici. Si può visitare solo durante alcune rievocazioni storiche mentre per il resto del tempo è chiuso ai visitatori.

A destra da Fort St. Elmo

Proseguendo sulla destra troverai un monumento dedicato ai caduti con una scalinata che porta ad un campanile dal quale potrai fare delle splendide foto sulla baia circostante. Continuerai costeggiando il mare fino ad arrivare ai Lower Barracca Gardens e Castille Curtain dove si affaccerà il porto. Andando avanti giungerai a Saluting Battery e gli Upper Barraca Gardens.

Nei giardini potrai ristorarti e ascoltare gli spari dei cannoni a mezzogiorno. I colombi richiameranno la tua attenzione per avere qualche briciola di pane e potrai fare una delle foto più gettonate del panorama maltese.

Uscendo dai giardini camminerai su Castille Square passando davanti a St. James’ Bastion and Cavalier che ospita l’ambasciata dell’ordine di San Giovanni di Gerusalemme e di Malta. Prendendo i gradini che scendono lungo la costruzione ti ritroverai a Freedom Square nel punto esatto in cui hai iniziato a scoprire il centro storico di La Valletta.

A sinistra da Fort St. Elmo

Lungo la sponda sinistra incrocerai Our Lady of Pillar una chiesa spagnola dedicata alla Vergine di Saragozza, Auberge d’Aragon oggi Ministero della Giustizia, una volta residenza dei Cavalieri Aragonesi e St. Paul Anglican Cathedral chiesa anglicana della metà del 1800.

Proseguendo in direzione stazione delle corriere, ma tenendo il lungomare incontrerai il porto dove arrivano le imbarcazioni da Sliema. Più avanti arriverai agli Hastings Gardens, il parco pubblico dove ammirare una fantastica veduta sulla città di Msida.

Infine ritornando verso l’uscita della città soffermati a fare una foto al St. John’s Bastion and Cavalier che si trova sulla parte opposta del St. James’ Bastion and Cavalier. I due bastioni furono eretti a difesa della città e oggi il St. John’s ospita l’ambasciata dell’ordine di San Giovanni di Gerusalemme e di Malta. Ma non è possibile visitarlo. Il St. James’ si può visitare a fronte di un’offerta libera.

Da La Valletta partono gli autobus per tutti i punti turistici più importanti ti consiglio di farti dare la cartina dei trasporti o fare una foto con il cellulare di tutte le linee di tuo interesse.

Sliema

Sliema è il centro vivace, giovane e commerciale dell’isola. Da qui partono gli autobus che portano a Circewwa e i battelli per Gozo e Comino. Da qui partono anche le imbarcazioni per raggiungere La Valletta. Il costo del tragitto è di 1,50 € la corsa singola, 2,80 € andata e ritorno. Puoi consultare gli orari, il prezzo e i tragitti sul sito di www.vallettaferryservices.com.

Un’infinità di negozi, locali alla moda e ristoranti con qualsiasi tipo di cucina corrono lungo tutto il mare che porta a San Julian e oltre.

Una passeggiata piacevole di circa 1 ora e mezza ti farà raggiungere San Julian, Balluta Bay e Paceville dove si trovano i locali alla moda dei giovanissimi. Ad un certo punto ti accorgerai, camminando lungo la costa, che non potrai più proseguire e vedrai delle scale che salgono.

Quelle scale portano al centro commerciale The Point Shopping Mall e dovrai salire e poi prendere Triq Tigné e poi girare in via Hughes Halles per continuare la passeggiata verso San Julian. In alternativa, al secondo piano del centro commerciale, c’è un passaggio pedonale che porta sulla strada percorsa dalle macchine che vanno in direzione Sliema (http://www.thepointmalta.com/). Oppure un’altra alternativa è girare in una delle più frequentate vie dello shopping del centro di Sliema, Triq It Torri, e tagliare tutta la curva naturale dell’isola.

Prima di raggiungere Sliema, all’altezza di Gzira, trovi Manoel island dove attraccano le numerose navi provenienti dal Mediterraneo ed è sede della movida notturna prima di andare a Paceville.

Ti consiglio caldamente di usufruire di un momento libero per fare la passeggiata lungomare per trovare dei bellissimi anfratti dove distenderti, prendere il sole, fare il bagno in qualche buca trasformatasi in piscina naturale o rimanere in pace e in tranquillità ascoltando le onde frangersi contro gli scogli.

Questo tratto di costa viene chiamato Fond Ghadir e sono sicura ti piacerà.

A Sliema puoi anche prenotare uno dei tanti tour proposti dalle varie agenzie viaggi se non hai tempo o voglia di organizzarti da solo. C’è l’imbarazzo della scelta e non appena dimostrerai interesse saranno i venditori stessi a fermarti e a offrirti le proposte migliori.

Il leit motiv di Sliema è prendersi il proprio tempo per fare acquisti, sorseggiare e mangiare qualcosa, prendere il sole e fare un bagno. Potresti decidere anche di trascorrere tutto il tuo soggiorno qui. C’è tutto quello di cui hai bisogno.

Baia di San Julian

Dopo esserti lasciato alle spalle Sliema arriverai a piedi, in autobus o in macchina alla Baia di San Julian. Sarà impossibile non notare Church of our Lady of Mount Carmen, un bellissimo esempio di chiesa neogotica costruita dalla confraternita del Carmen nel 1858, affidata più tardi ai carmelitani che vi costruirono un convento. L’attuale edificio è stato completato nel 1978 e contiene una statua della Madonna che arriva direttamente da Napoli.

Proseguendo si arriva a Balluta Bay luogo di ristoranti e locali con una piccola spiaggia e delle scalinate dove prendere il sole e riposarsi un po’.  Andando ancora avanti si raggiunge un’altra insenatura chiamata Spinola Bay che conclude la lunga passeggiata lungomare. Subito dopo troverai il casinò e il quartiere giovane di Paceville, dove gli studenti e i giovani dell’isola si ritrovano la sera per ballare in uno dei numerosi locali presenti.

Superata anche Paceville arrivi alla Baia di San Gorg, una piccola distesa di sabbia che chiude la vita mondana dell’isola. Questa è una delle spiagge preferite dagli studenti di EF che vivono proprio in questa zona.

Bugibba

Controllando su Wikipedia Bugibba sarà nominata per questi aspetti:

  • la presenza di una spiaggia sabbiosa costruita artificialmente nel 2006;
  • il casinò;
  • la presenza dei presidenti George Abela e Edward Fennech-Adamy che vivono qui;
  • il Palio di Bugibba che prende vita durante il periodo pasquale in cui partecipano tutti gli abitanti dell’isola.

Mentre i giudizi su TripAdvisor sono piuttosto discordanti: c’è chi la ama, chi non ne è rimasto particolarmente colpito e a chi non è piaciuta affatto. Come sempre sta a te dare il tuo giudizio personale.

Io ti posso raccontare cosa puoi fare e vedere a Bugibba. Ma, per dovere di cronaca, ti devo confessare che io l’ho adorata e, durante il periodo in cui ho vissuto a Malta, venivo qui ogni qual volta mi era possibile.

Bugibba è un piccolo centro turistico nel quale puoi trovare qualsiasi tipo di locale ti venga in mente. Cibo e bevande non mancano e nemmeno la scelta. Come quasi tutte le spiagge di Malta anche qui il lungomare è roccioso e non troppo comodo per rimanere sdraiati a lungo ma l’acqua ha dei riflessi spettacolari.

La passeggiata lungomare è curata e arricchita da palme e piccoli giardini.

Camminando potrai fermarti a visitare l’Acquario Nazionale di Malta con un’estensione di circa 20.000 metri quadrati nel quale ci sono 26 vasche espositive con pesci originari del Mediterraneo.

Inoltre sono presenti specie provenienti dall’Oceano Indiano, tra cui gli squali pinna nera, otto squali corno, razze, anguille eccetera. La zona più coinvolgente, amata dai bambini, è il tunnel ‘walk-through’ che passa attraverso le vasche e permette ai visitatori di vedere i pesci dal vicino.

Di proprietà dell’acquario è anche il Beach Club “Cafè del Mar”, un locale con piscina che si affaccia direttamente alla Baia di San Paul, dove si può prendere il sole, mangiare e bere deliziosi cocktail. Chiuso durante l’inverno mentre in estate è ravvivato da feste e musica con deejay.

Una cosa che ti salterà subito agli occhi sarà il Bocci Club. Qui noterai un nutrito gruppo di persone in età pensionabile che si divertono a giocare a bocce. Le regole del gioco e le palle da bocce sono decisamente particolari e di difficile comprensione.

Dopo qualche minuto ti accorgerai che anche tu sarai attratto dalla sfida e inizierai a parteggiare per una squadra o per l’altra (https://bugibba-malta.com/bocci-clubs/). Se ti viene fame, fuori dal campo di bocce, c’è il ristorante con pietanze di pesce a prezzi vantaggiosi. Potrai sederti a guardare il tramonto e continuare a controllare l’andamento della partita. Non perdertelo è davvero uno spettacolo particolare!

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here