Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump pone un limite all’aborto, infatti quest’oggi ha firmato un ordine esecutivo con cui viene ristabilito il bando sull’erogazione di fondi federali alle Ong internazionali che si occupano di aborto praticandolo o fornendo informazioni a riguardo. Si tratta di un provvedimento che, dalla sua prima introduzione dovuto all’amministrazione repubblicana nel 1984, è stato più volte revocato dalle amministrazioni democratiche e nuovamente reintrodotto da quelle repubblicane che si sono succedute nel governo degli Stati Uniti. L’ultima volta che il bando è stato accantonato è stato per opera di Barack Obama.
L’ordine esecutivo sull’introduzione del bando per l’aborto non è stato l’unico ad essere stato preso oggi dal neo presidente americano, infatti Trump ha firmato un ordine esecutivo con il quale gli Stati uniti si ritirano dal Tpp, l’accordo commerciale Trans-Pacific Partnership, che era stato firmato dal predecessore lo scorso anno con altri 11 paesi del Pacifico. Questo provvedimento, più volte annunciato in campagna elettorale, e accennato nel discorso di insediamento, inaugura la nuova politica economica americana con un netto stampo protezionista. Ma sottolineato che questo provvedimento si tratta i una pura formalità in quanto il Tpp non era stato ancora ratificato dal Senato. Secondo quanto riportato da alcuni media americani Trump avvierà negoziati commerciali bilaterali con ogni singolo stato che doveva prendere parte al Tpp. il nuovo presidente durante la campagna elettorale che lo ha portato alla Casa Bianca non aveva esitato a criticare questo accordo definendo “un potenziale disastro per il nostro paese”.
Il terzo ordine esecutivo firmato da Trump congela le assunzioni del governo federale, fatta eccezione per le forze armate.

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here