Doña Felipa: un esempio per le famiglie del Guatemala

0
366
Doña Felipa

L’associazione “Mani Tese” è presente anche sul territorio del Guatemala. Qui si impegna alla lotta contro la malnutrizione e l’igiene dell’ambiente domestico. Il progetto consta di determinati corsi di formazione che, Doña Felipa ha deciso di seguire. La donna è diventata quindi un esempio per la propria comunità.

Chi è Doña Felipa?

Una moglie, una donna ed una madre. Ma ancor di più un esempio per tutta la comunità del Guatemala. La donna ha deciso di seguire tutti i corsi di formazione che “Mani Tese” ha deciso di istituire in tale territorio. Si tratta di comprendere l’importanza della piantagione, ma altrettanto di mantenere delle condizioni igienico-domestiche nell’ambiente abitato. Dopo avere partecipato a tutti i corsi la donna ha messo in pratica quanto appreso, ma non solo. Ha convolto tutta la propria famiglia a fare lo stesso. L’importanza della coltivazione per il sostentamento della famiglia è stato estremamente utile in tempi pandemici, dove la sua famiglia, è riuscita a vivere di ciò che il terreno amorevolmente trattato, dogava loro. Ma non solo, la donna è stata in grado di utilizzare le piante a scopo medicinale.


“Mani Tese” verso la giustizia sociale nel mondo


Un impegno “familiare”

La comunità dove la donna vive, è stata il centro focale di determinate scelte legate alla metodica di comprensione di Doña Felipa. L’utilizzo delle erbe coltivate, è stato necessario a comporre medicinali naturali e fertilizzanti per il terreno. Ciò in modo che questi non fossero nocivi per la terra coltivata. La donna è riuscita altresì a comprendere la problematica legata alla contaminazione dell’acqua, spesso avvenuta a causa di cimici che si infiltrano nelle fessure delle pareti. Con la famiglia allora ha deciso di pulire casa e mantenere un ambiente igienicamente sano. Ha adornato l’entrata con delle piante e l’ha resa estremamente accogliente. Lei deve essere un esempio non solo per la propria gente, ma altrettanto per tutti coloro che dubitano dell’importanza di associazioni che mirano a ricostruire intere comunità.