Divi & serie tv: Tanti auguri a Meryl Streep

0
511
Meryl Streep

Oggi si festeggia il compleanno di un’autentica icona del cinema: Meryl Streep. Nata a Summit, New Jersey, nel 1949, l’eccezionale attrice statunitense spegne oggi 70 candeline, un’età da lei portata stupendamente.

I tantissimi premi vinti

La Streep è riconosciuta unanimemente come una delle migliori attrici di sempre della storia del cinema, inoltre detiene il record di candidature ai Premi Oscar, addirittura 21 in totale, vincendone nel complesso 3 (è seconda solo a Katharine Hepburn che si è aggiudicata 4 titoli, e alla pari con Ingrid Bergman, Walter Brennan, Jack Nicholson e Daniel Day Lewis): come “Migliore attrice non protagonista” per Kramer contro Kramer (1979), come “Migliore attrice protagonista” per La scelta di Sophie (1982) e come “Migliore attrice protagonista” per The Iron Lady (2011). È una delle poche attrici ad essere stata nominata ai premi Oscar per film prodotti in cinque decenni, ovvero negli anni settanta, ottanta, novanta, duemila e duemiladieci. Gli altri film con i quali è stata candidata agli Oscar sono: Il cacciatore (1978), La donna del tenente francese (1981), Silkwood (1983), La mia Africa (1985), Ironweed (1987), Un grido nella notte (1988), Cartoline dall’inferno (1990), I ponti di Madison County (1995), La voce dell’amore (1998), La musica del cuore (1999), Il ladro di orchidee (2002), Il diavolo veste Prada (2006), Il dubbio (2008), Julie & Julia (2009), I segreti di Osage County (2013), Into the Woods (2014), Florence (2016) e The Post (2017).

La Streep, dotata di un talento ineguagliabile e sopraffino, è particolarmente nota per la sua capacità di adattarsi in maniera camaleontica ai ruoli che ha interpretato. Detiene inoltre anche il record di 31 candidature ai Golden Globe, di cui 9 vittorie: Kramer contro Kramer (1980), La donna del tenente francese (1982), La scelta di Sophie (1983), Il ladro di orchidee (2003), Angels in America (2004), Il diavolo veste Prada (2007), Julie & Julia (2010), The Iron Lady (2012) ed alla carriera (2017). È anche vincitrice di 2 Screen Actors Guild Awards (Angels in America, 2004; e Il dubbio, 2009), 3 Premi Emmy (Olocausto, 1979; Angels in America, 2004; e Five Came Back, 2017), un Prix al Festival di Cannes, 2 Premi BAFTA (La donna del tenente francese, 1982; e The Iron Lady, 2012), un Orso d’oro (alla carriera) e di un Orso d’argento al Festival di Berlino. Ha ricevuto il premio AFI Life Achievement nel 2004 e il Kennedy Center Honor nel 2011 per il suo contributo alla cultura americana attraverso le arti dello spettacolo. Il 16 settembre 1998 Meryl Streep ha ricevuto la stella sulla Hollywood Walk of Fame.

Forse potrebbe interessarti anche leggere Miranda Priestly e la sindrome dell’ape regina

Parziale filmografia della sua strepitosa carriera

Cresciuta in teatro, dove vi ha lavorato parecchio prima di passare al cinema, vanta un curriculum cinematografico ricchissimo, ha partecipato a pellicole che grazie alle sue interpretazioni ha reso iconiche e grazie alle quali lei stessa è diventata una delle star più importanti di sempre: la sua bravura nella recitazione è senza pari. Qui ci limiteremo ad elencare i film più importanti in cui ha recitato, eccezion fatta per quelli per i quali è stata premiata, già citati sopra. Ci sono quindi: Giulia (Fred Zinnemann, 1977; suo film d’esordio sul grande schermo), Manhattan (Woody Allen, 1979), La morte ti fa bella (Robert Zemeckis, 1992), La stanza di Marvin (Jerry Zaks, 1996), The Hours (Stephen Daldry, 2002), The Manchurian Candidate (Jonathan Demme, 2004), Lemony Snicket – Una serie di sfortunati eventi (Brad Silberling, 2004), Radio America (Robert Altman, 2006), Leoni per agnelli (Robert Redford, 2007), Mamma Mia! (Phyllida Lloyd, 2008), The Giver – Il mondo di Jonas (Phillip Noyce, 2014), Suffragette (Sarah Gavron, 2015), Mamma Mia! Ci risiamo (Ol Parker, 2018) e Il ritorno di Mary Poppins (Rob Marshall, 2018). Come detto questi sono solo alcuni film in cui la Streep ha recitato, per renderle veramente giustizia andrebbe stilata la filmografia completa.

I successi sul piccolo schermo: I premi con le miniserie televisive e Big Little Lies

La celebre attrice ha lavorato anche in televisione, raggiungendo pure sul piccolo schermo importanti successi. Nel 1978 ha interpretato una donna tedesca sposata con un artista ebreo nell’era nazista della Germania nella miniserie televisiva Olocausto: la serie ottenne un notevole successo e la Streep venne premiata con l’Emmy come “Miglior attrice protagonista in una miniserie”. Nel 2003 ha recitato in un’altra acclamatissima miniserie televisiva, Angels in America, con Al Pacino ed Emma Thompson: la Streep vi ha interpretato quattro ruoli e venne premiata sia con l’Emmy come “Miglior attrice protagonista in una miniserie o film” che col Golden Globe come “Miglior attrice in una mini-serie o film per la televisione”. Nel 2010 ha preso parte a 3 episodi della web serie Web Therapy, mentre nel 2012 a 2 ep. della serie Web Therapy. Infine ha preso parte alla seconda stagione dell’osannata serie Big Little Lies – Piccole grandi bugie, la quale è visibile su Sky Atlantic essendovi iniziata appena quattro giorni fa.

Buon compleanno Meryl!

Commenti